“Sì, mi servirebbe un milione di euro al mese per rispettare i miei standard di vita e se la gente mi critica per questo ne sono solo contenta”. Taylor Mega torna a far parlare di sé e lo fa raccontandosi nel salotto di Barbara D’Urso. L’ereditiera, ex fidanzata di Flavio Briatore ed ex concorrente dell’Isola dei Famosi, a Domenica Live ha parlato del suo tenore di vita affermando che “non si vergogna” di essere “quella che è”.

La modella ha parlato anche del suo lavoro come influencer marketing. “Io guadagno grazie alle strategie sui social network. È un lavoro in cui devo sempre stare attenta a ciò che vuole il pubblico, a ciò che i follower desiderano. Sì spendo tanti soldi in shopping e in trattamenti di bellezza, ma questo non vuol dire che io sia materialista“, ha spiegato.

Un atteggiamento che però a Vladimir Luxuria non è andato giù, complice anche l’orologio indossato dalla Mega. “Quando costa?”, le ha chiesto l’ex deputata presente in studio. “Non posso dirlo, qua mi svaligiano casa poi”, ha risposto la Mega. Il prezzo, alla fine, si aggirerebbe intorno ai 500mila euro. Una cifra altissima secondo Luxuria che ha lanciato un avvertimento alla Mega: “C’è qualcosa che non riuscirai mai a comprare in nessuna gioielleria: la sensibilità. Bisogna avere quella sensibilità di pensare a tutte le persone che fanno fatica ad arrivare a fine mese. È davvero volgare ostentare tanta ricchezza”.

Eliminata dopo solo una settimana di permanenza sull’Isola, la modella è tornata a parlare anche della sua partecipazione al reality. “Mi sono messa in gioco, se qualcuno non l’ha capito non sono problemi miei – ha detto dalla D’Urso – Ho anche parlato di una fase difficile della mia vita (la tossicodipendenza) e ho provato a farvi vedere la vera Taylor“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fulvio Collovati: “Wanda Nara? Una donna che parla di tattiche mi fa rivoltare lo stomaco”. Polemiche sui social

prev
Articolo Successivo

Alessandro Mendini, morto il rivoluzionario del design: aveva 87 anni

next