Se avete un iPhone e usate l’app di navigazione satellitare Waze, da oggi potete usare i comandi rapidi di Siri invece di interagire con lo schermo touch. Merito di un aggiornamento dell’app alla Versione 4.48, che consigliamo di scaricare. Sullo store ufficiale la novità è descritta come un modo per “risparmiare tempo ed evitare il traffico [mediante] le scorciatoie di Siri”.

Questa caratteristica è legata alle “shortcuts” (scorciatoie) di Siri che Apple ha introdotto nella versione 12 del sistema operativo iOS. Da oggi si possono usare anche con Waze. In pratica bisogna aggiornare l’app, quindi investire qualche minuto per registrare i comandi rapidi vocali per richiamare le destinazioni d’abitudine (casa, ufficio, scuola dei figli, eccetera). Fatto questo, per attivare la navigazione basterà usare le shortcuts e partire.

Non solo, la possibilità di usare la voce per interagire con Waze alza il livello di sicurezza degli automobilisti alla guida, che non hanno più bisogno di distogliere lo sguardo dalla strada per impostare percorsi alternativi in caso di incidenti o lavori in corso.

Questa novità può tornare utile a chi ha il sistema CarPlay di Apple per collegare un iPhone all’automobile e controllarne le funzioni direttamente dal touchscreen del veicolo. A settembre 2018 Waze ha integrato il supporto a CarPlay, quindi da oggi le shortcuts vocali si possono usare anche in auto.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

617 milioni di account rubati da 16 siti web sono in vendita a 20.000 dollari. Cambiate al più presto le password

next
Articolo Successivo

Sony trasforma l’orologio tradizionale in uno smartwatch con cinturini raffinati ma costosi

next