Se siete alla ricerca di auricolari senza fili per le telefonate di lavoro, per ascoltare musica durante i viaggi, e non siete disposti a scendere a compromessi sulla qualità audio, in genere dovreste spendere cifre alte. Oggi potete risparmiare, prendendo in considerazione gli 1More Dual-Driver BT ANC con cancellazione attiva del rumore. Online si trovano a circa 130 euro (li trovate alla voce “1 più e1004ba-silver BT ANC Dual driver in-ear auricolari wireless Bluetooth”), che è una cifra alta in senso assoluto. Dalla nostra prova però emerge che riescono a dare un’esperienza d’uso molto vicina ad auricolari ben più costosi, come per esempio le Bose QuietControl 30 da circa 300 euro.

Questi auricolari offrono è un’esperienza d’ascolto ottima, una riduzione attiva del rumore che funziona egregiamente e un’autonomia decisamente soddisfacente. Però mancano un motorino per la vibrazione sul collare che possa notificare le chiamate e il supporto degli assistenti vocali.

La cura del dettaglio si vede non solo dal prodotto ma anche dalla presentazione. La confezione è di stampo quasi artigianale, e contiene tantissimi accessori, tra cui 8 paia di gommini per adattare gli auricolari a ogni utente. Per il trasporto c’è una pochette morbida, e non manca l’adattatore per poterli usare in aereo, oltre al cavo di ricarica.

Se vi state chiedendo a cosa serva un adattatore per aereo, dato che gli auricolari sono wireless, la risposta è semplice. Usando il connettore USB-C – Aux in dotazione e l’adattatore per aereo, potrete usare gli auricolari anche in modalità cablata, dove le soluzioni wireless sono vietate o quando serve ridurre il consumo della batteria. Da notare che ci sono pochi auricolari wireless che contemplano questa possibilità.

Gli auricolari sono di tipo in-ear, ossia si appoggiamo all’interno del primo tratto del condotto uditivo. Abbiamo notato che i gommini in silicone sono leggermente più ovali rispetto ad altre soluzioni, e questo ne aumenta il comfort, stressando meno l’orecchio. Le capsule sono in alluminio con dettagli rossi che donano carattere senza risultare eccessivi. Da apprezzare il fatto che siano dotati di un magnete nella parte esterna per agganciarle tra di loro quando non indossate. Sembra un dettaglio da poco, in realtà evita che gli auricolari oscillino mentre ci si muove, che si impiglino nella giacca e che si strappino accidentalmente. L’archetto che si appende attorno al collo è realizzato in silicone nella parte centrale e in plastica alle estremità. Risulta flessibile e comodo.

I comandi che servono per controllare le attività sono posizionati sull’estremità sinistra. Oltre all’accensione si sono lo switch per impostare il livello di riduzione del rumore, il pulsante di controllo della riproduzione e per rifiutare le chiamate. Come accennato, non c’è un motorino per la vibrazione sul collare, e non è possibile richiamare alcun assistente vocale; l’azienda dice che quest’ultima funzione sarà introdotta con futuri aggiornamenti del firmware.

Il connettore USB-C per la ricarica è protetto da uno sportellino in gomma. Abbiamo apprezzato questa scelta perché chi ha uno smartphone di ultima generazione potrà usare lo stesso cavo per ricaricare anche le cuffie.

La riduzione attiva del rumore (ANC) si può regolare su tre modalità tramite l’apposito switch. Quando è in posizione neutra la funzione è disattivata, e abbiamo apprezzato l’isolamento acustico passivo, che è già di buon livello. Consigliamo di usare questa impostazione quando vi muovete in città, e in tutti i casi in cui è consigliabile avere una percezione di ciò che ci circonda. Attivando l’enfasi vocale il microfono catturerà l’audio ambientale e lo farà sentire nell’auricolare. È una funzione fondamentale durante le telefonate, perché permette di “sentirsi” e quindi di non strillare. Inoltre, torna utile se volete ascoltare musica, ma non perdervi eventuali annunci o sentire una domanda di una persona vicina senza togliervi gli auricolari.

Abilitando l’ANC invece ci si isola dall’ambiente circostante. Alla luce dei numerosi prodotti che abbiamo provato con riduzione attiva del rumore, siamo rimasti piacevolmente stupiti dall’efficacia: isola in maniera praticamente perfetta dai rumori costanti, come quello di un treno o di un aereo. Presenta qualche lieve criticità solo con rumori decisamente forti, che sono comunque attutiti in modo sufficiente.

Per quanto riguarda la qualità audio segnaliamo una riproduzione del suono precisa e piacevole, con bassi corposi ma non invasivi. Merito del doppio driver interno, composto da un’armatura a bassa distorsione che gestisce le frequenze più alte, e da quello con diaframma in titanio che si occupa delle frequenze medie e basse. Siamo rimasti soddisfatti dalla qualità con tutti i generi musicali, ma anche con le colonne sonore di film e serie TV.

Il volume è molto alto: al massimo è quasi inutilizzabile, se non per chi cerca però un paio di auricolari in grado di “spaccare i timpani”. Impostando il volume al 40-50% si ottiene una pressione sonora che, combinata con la riduzione attiva del rumore, permette di avere un’esperienza di ascolto ottimale. Sul fronte delle telefonate, i nostri interlocutori ci hanno sempre confermato di sentirci in maniera forte e chiara, senza disturbi e con un’ottima qualità.

Anche sull’autonomia non abbiamo problemi da segnalare. Durante i test abbiamo condotto prove in riproduzione continua, spegnendo le cuffie quando non utilizzate, tenendoli sempre accesi per non perdere telefonate di lavoro. Nel primo caso la durata delle batterie ha superato le 8 ore di riproduzione continua con ANC sempre attivo e volume al 50%. Nel secondo caso sono rimaste accese dalle 9 del mattino a mezzanotte, avanzando il 50% di autonomia residua.

La tecnologia di ricarica rapida permette di avere 3 ore di autonomia con 10 minuti di ricarica, che è un buon risultato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Robot minuscoli e flessibili per somministrare farmaci solo sui tessuti malati

next
Articolo Successivo

Google Maps vi indicherà dove sono gli autovelox, test avviati in alcune nazioni

next