Alexandre Benalla è stato posto in stato di fermo nel quadro dell’inchiesta sui passaporti diplomatici, di cui era titolare, aperta dalla giustizia francese. L’inchiesta è stata estesa ieri ad altri capi d’accusa, come il falso e l’ottenimento illegale di un documento amministrativo. Il consigliere dell’Eliseo che ha messo nei guai Emmanuel Macron dopo essere stato colto da una telecamera mentre picchiava uno studente durante una manifestazione, avrebbe utilizzato “una ventina di volte” i suoi passaporti diplomatici dopo il licenziamento.

Emmanuel Macron e Alexandre Benalla

In un’audizione in commissione Senato sulla vicenda, il capo di gabinetto di Macron, Patrick Strzoda, ha rivelato che l’ex collaboratore dell’Eliseo avrebbe mentito dichiarando di aver lasciato all’Eliseo i documenti diplomatici quando fu licenziato l’estate scorsa. In particolare, davanti alla stessa commissione, a settembre, Benalla affermò di aver lasciato i passaporti in ufficio ma quei documenti non furono mai trovati. Benalla è stato inoltre convocato in audizione, lunedì prossimo, presso la commissione d’inchiesta del Senato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, bimbo di due anni caduto nel pozzo profondo 100 metri. “Per arrivare a lui ci vorranno giorni, non ore”

prev
Articolo Successivo

Brexit, chef Giorgio Locatelli: “C’è grande incertezza, Londra ne soffrirà. Immigrazione? Fastidioso sentirne parlare male”

next