Gli smartphone sono sempre più usati per scattare fotografie, ma gli appassionati del settore non rinuncerebbero mai a una buona macchina fotografica. Una fotocamera vera e propria, che non dev’essere pesante e ingombrante come i modelli indirizzati ai professionisti. È proprio qui che si inserisce la nuova Sony a6400, un prodotto di medio gamma con sensore da 24,2 Mpixel.

Parliamo di una mirrorless che media fra portabilità, leggerezza, alta qualità del video, e che offre uno schermo ribaltabile con cui controllare l’inquadratura anche da soli. Un prodotto che ben si presta, per esempio, alle esigenze di giornalisti, blogger e youtuber, ma anche agli appassionati.

La a6400 beneficia anche di un nuovo sistema di messa a fuoco automatica con 425 punti a rilevamento di fase e di contrasto che coprono circa l’84% del sensore. Significa che può riconoscere il soggetto in appena 0,02 secondi: una messa a fuoco estremamente veloce, grazie anche all’Eye-tracking in tempo reale. La fotocamera riconosce automaticamente sia l’occhio umano che quello degli animali. La raffica di scatti (il numero di foto che si possono scattare di seguito) raggiunge gli 11 fps in formato RAW. Non avrete problemi a immortalare ogni singolo istante di un salto, di un tuffo, eccetera. Per quanto riguarda l’estensione ISO (la sensibilità del sensore alla luce) si arriva fino a 102400 ISO in modalità estesa, mentre si ferma a 32000 in modalità standard.

Molti dei dati snocciolati finora sono frutto del nuovo processore d’immagine BIONZ X di Sony, che tra l’altro permette alla a6400 di registrare video fino al 4k HDR con una fluidità di 30 frame per secondo. In parole povere, il processore elabora fino a 2,4 volte i dati necessari per realizzare un filmato a risoluzione 4K con dettaglio e nitidezza di alto livello. Lo schermo è dotato di funzionalità touch, utile per controllare la messa a fuoco. Da apprezzare il materiale costruttivo del rivestimento: lega di magnesio resistente a polvere e umidità.

La nuova a6400 sarà disponibile a partire da inizio febbraio, con un prezzo di 1.050 euro per il solo corpo macchina. Un investimento a lungo termine per chi tiene alla qualità delle immagini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hotel giapponese licenzia i robot, inefficienti e costosi. Il gestore: “alcuni lavori sono adatti solo agli umani”

next
Articolo Successivo

Nike Adapt BB, le scarpe auto allaccianti che si regolano con l’app

next