Se le indiscrezioni e le anticipazioni sullo smartphone pieghevole di Samsung vi hanno incuriosito, segnatevi sul calendario la data del 20 febbraio. Sarà quel giorno, a San Francisco, in California, che il colosso sud coreano svelerà una versione completamente funzionante di un dispositivo con schermo pieghevole. L’occasione sarà l’evento evento Unpacked 2019 che era già in programma. Ricordiamo che a novembre 2018 Samsung ha lasciato intravedere il prototipo di un dispositivo pieghevole nel corso di una conferenza per gli sviluppatori. Il passo avanti che ci si aspetta è notevole, anche se non è ancora chiaro se quello a cui si assisterà sarà un lancio definitivo o un’altra occhiata da lontano.

Per saperne di più dovremo attendere l’evento di febbraio, che originariamente si pensava fosse dedicato solo al Galaxy S10. A svelare la sorpresa sono stati i cartelloni pubblicitari affissi da Samsung in Place de la Concorde a Parigi. I messaggi che riportano (con opportuna traduzione) “The future unfolds” e “February twentieth”, non lasciano spazio ai dubbi.

Mancano ancora all’appello i dettagli tecnici: l’unico indizio pubblicato sul sito ufficiale di Samsung si riferisce a una nuova visione per l’intera gamma di smartphone Galaxy. Sul fronte delle indiscrezioni sembrano tornare in auge la possibile presenza di una batteria da oltre 6.000 mAh, 12 Gigabyte di memoria RAM e di 1 Terabyte di spazio di archiviazione. In mancanza di conferme ufficiali, è meglio prendere questi dati con il beneficio d’inventario.

Unico dettaglio su cui sembrano esserci pochi dubbi è il prezzo, che si dovrebbe posizionare al di sopra dei 1.500 euro. Insomma un prodotto per pochi, almeno nella fase di esordio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google smette di produrre il Chromecast audio, ecco l’alternativa migliore

prev
Articolo Successivo

Stampa 3D più resistente e 100 volte più veloce grazie alla luce e ad una resina speciale

next