Giampiero Galeazzi, il ‘Bisteccone’, è tornato a Domenica In per spiegare la sua ultima apparizione televisiva del 30 dicembre scorso. Il telecronista si era presentato in sedia a rotelle, visibilmente provato da una ‘misteriosa malattia’, tanto che sui social, dice lui stesso in un intervista a Fuoricampo, inserto della Gazzetta dello Sport, “molti mi avevano già fatto il funerale”.

Sto bene le mie parole sono state fraintese”, ha specificato all’amica Mara Venier l’ex campione di canottaggio. Il giornalista sportivo ha raccontato di essere stato messo in sedia a rotelle per un’operazione al ginocchio, ammettendo di avere qualche problema di salute .”Ho il diabete – ha detto -, è il mio compagno di viaggio”. Non quindi il Parkinson, come molti suoi fan avevano ipotizzato. “Rassicuro il direttore della banca, le mie ex fidanzate, se sono ancora tutte vive, e mia moglie. Sto bene – ha continuato-. Non era facile tornare qui una seconda volta. C’è chi ha provato a dissuadermi, ma io ho detto che questa è casa mia e allora sono tornato”, ha concluso.

Poi la conduttrice e Galeazzi sono tornati a ricordare il passato insieme nel programma, rivedendo le gag di qualche anno fa. A un certo punto, però, la Venier non ce l’ha fatta più ed è uscita dallo studio in lacrime. Il ‘Bisteccone’ è invece rimasto seduto, continuando a cantare In ginocchio da te, accompagnato dall’orchestra. Il duo è stato poi raggiunto da altri ex protagonisti di Domenica In, Stefano Masciarelli e Andrea Roncato. Un momento che non è sfuggito al popolo social. “Galeazzi, Masciarelli e Roncato con la Venier, e io ho dieci anni di nuovo”, twitta qualcuno. “Ci avete raccontato una parte della vostra amicizia vera!! Vedere la vostra commozione è un qualche cosa ché si vede raramente in tv”, cinguetta qualcun altro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Superbrain, toglie televisivamente il “cuore” per far spazio, in tutti i sensi, alla mente

prev
Articolo Successivo

Game of Thrones 8, i fratelli Stark pronti per la battaglia finale: il primo teaser nella cripta del castello natio di Winterfell

next