ATTENTI AL GORILLA di Luca Miniero. Con Frank Matano, Cristiana Capotondi, Diana Del Bufalo. Italia 2018. Durata: 90’. Voto 4/5 (DT)

Costiera campana. Giovane avvocato fallito con studio in mezzo ad un salone di bellezza, moglie (avvocato) che si sta per risposare, tre figli con qualche problemino comportamentale, appartamento in ostaggio di una strampalata coppia figlio/madre (di cui si sente solo la voce), fa causa allo zoo per maltrattamento di un gorilla e riceve a carico l’animale. Lo terrà in casa creandogli un habitat consono, combatterà con un odioso villain mezzo circense, e riunirà i pezzi di una buffa famiglia proprio attorno alla presenza del primate. Dopo Sono tornato ancora una folle, trasognata, incorreggibile commedia del duo Miniero/Matano. Saltano subito plausibilità e verosimiglianza per far spazio a umorismo e serrate gag surreali. Se da un lato si trasfigurano con brio temi “sociali” contemporanei (animalismo, famiglia, adolescenza), dall’altro si accetta la sfida del non-sense in cui entra in gioco non solo la trama continuamente “forsennata”, ma anche le potenzialità slapstick, fumettistiche, perfino erotiche di una messa in scena in continuo divenire. Si ride molto (anche se Tonno Spiaggiato era altra categoria). Matano è un Peter Sellers gommoso e malleabile da paura; Del Bufalo, Lillo e Capotondi gli fanno egregiamente da spalla. E grazie a Dio, il gorilla che parla con la voce di Bisio non è centro e “trovata” del film.

INDIETRO

Film in uscita, da Una notte di 12 anni ad Attenti al Gorilla: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

City of Lies: omicidi, rap e bugie. Il cinema cerca la verità sulla morte di Notorious B.I.G. e Tupac

next
Articolo Successivo

Pixar compie 30 anni. A Roma una mostra ripercorre la storia dei suoi film d’animazione

next