Lo schermo si accende. La voce del cronista parla di incidenti tra la folla, confusione e spray al peperoncino: non è drammatica attualità ma il racconto dei funerali di Notorious B.I.G., nel marzo del 1997. Prima ancora dell’inizio del film vero e proprio, City of Lies ci costringe quindi – senza che gli autori lo potessero prevedere – a confrontarci con una riflessione amara tra passato e presente, tra Stati Uniti e Italia, tra esigenze di controllo e grandi folle riunite in spazi ristretti.

Anche in quei lontani anni 90 si parlava di cronaca nera legata al rap: B.I.G. fu ucciso soltanto pochi mesi dopo Tupac Shakur, suo ex-amico diventato peggiore rivale. Due fatti di sangue sui quali, a distanza di più di 20 anni, non è ancora stata fatta piena luce, in un intreccio di bugie e depistaggi in mezzo a cui City of Lies immerge lo spettatore. Il libro da cui il film è tratto si chiama LAbyrinth, con LA maiuscolo per indicare Los Angeles, e la sensazione è effettivamente di trovarsi in un labirinto ricco di vicoli ciechi e senza un’uscita definita. La pellicola si basa in buona parte sulle performance dei protagonisti Johnny Depp e Forest Whitaker, ma gli appassionati di rap saranno particolarmente emozionati dai momenti in cui sullo schermo appare Voletta Wallace, madre del rapper di Brooklyn, a interpretare se stessa e la sua eterna lotta per scoprire la verità sulla morte del figlio. 

City of Lies, in uscita oggi nelle sale italiane, raccoglie nuovi spunti sui casi irrisolti di Biggie e Pac e racconta la dimensione investigativa dei casi parallelamente a quella umana delle persone che stanno ancora indagando. Ma il motivo per cui ne consiglio la visione è la sua testimonianza sul ruolo che il rap e i suoi protagonisti hanno ormai assunto nella società globale. Anche drammaticamente, quando rivalità ed enormi interessi economici si pagano col sangue.

Le morti di Tupac Shakur e Notorious B.I.G. sono state delle perdite enormi dal punto di vista artistico. Entrambi scomparsi prima di compiere 30 anni, hanno fatto in tempo a lasciare un’eredità straordinaria su cui anche noi rapper del 2019 continuiamo a costruire. Interessarsi alla verità sulla loro fine non significa inseguire giustizia tramite i tribunali o colpevoli da sbattere sulla sedia elettrica. Vuol dire ricercare il momento storico di “inizio della fine” della golden age del rap, e cercare di impedire che i semi della violenza e della stupida, cieca avidità continuino a generare vittime tra noi e tra chi ci ascolta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’imbarazzo di Rami Malek: “Nicole Kidman non mi ha salutato? Questa scena mi perseguiterà”

next
Articolo Successivo

Film in uscita, da Una notte di 12 anni ad Attenti al Gorilla: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

next