Se cercate un’alternativa economica agli auricolari Apple AriPods, capaci di fornire caratteristiche paragonabili, presto potrete prendere in considerazione gli Xiaomi Mi AirDots Pro. Evoluzione degli AirDots presentati due mesi orsono, si avvicinano ancora di più al prodotto Apple sia sotto l’aspetto del design sia per la costruzione.

Parliamo di due auricolari che pesano 5,8 grammi ciascuno, quindi leggeri da indossare. Beneficiano della certificazione IPX4 che ne assicura la resistenza all’acqua, e possono essere utilizzati indipendentemente l’uno dall’altro. In pratica, rimuovendo uno dei due auricolari, l’altro continuerà a funzionare in maniera unilaterale. Questo permette, per esempio, di far ascoltare a un amico l’audio di un video o un messaggio vocale.

L’altra buona notizia è che si possono associare a qualsiasi dispositivo, dagli smartphone ai tablet, passando per i PC, a prescindere dal sistema operativo installato. Sulla qualità non possiamo esprimerci in mancanza di un una prova approfondita. I dati tecnici riportano la presenza di un altoparlante da 7 millimetri in lega di neodimio, ferro e boro, con diaframma placcato in titanio. Sono inoltre presenti una tecnologia per la riduzione attiva del rumore e il supporto per il codec AAC. Sulla carta la qualità audio dovrebbe essere buona.

Sempre facendo riferimento ai dati dichiarati dal produttore, l’autonomia dovrebbe essere di circa 10 ore (dato da verificare in fase di test), con un tempo di ricarica di un’ora, da effettuare riponendo gli auricolari nell’apposito contenitore.

Per il momento gli AirDots Pro sono stati annunciati in Cina, dove saranno disponili a partire dall’11 gennaio a un prezzo di 399 yuan – circa 51 euro al cambio attuale. Non abbiamo ancora informazioni circa la disponibilità in Italia e il prezzo che sarà applicato. Il modello precedente è in vendita in Italia con prezzi ci circa 70 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Y-Brush è lo spazzolino che arriva dalla Francia e promette di lavare i denti in 10 secondi

prev
Articolo Successivo

Notebook ultrasottile Dell XPS 13 rinnovato, la webcam torna al suo posto ed esordisce il Dolby Vision

next