Volete un televisore da 65 pollici, ma la vostra casa è troppo piccola per un prodotto così ingombrante? Nessun problema, a metà 2019 arriverà in commercio la nuova TV di LG che provvisoriamente è stata battezzata Serie Signature OLED TV R, e che ha la peculiarità di arrotolarsi. Quando la si accende, il sottilissimo pannello da 65 pollici con risoluzione 4K HDR fuoriesce dal supporto dedicato. Quando si spegne viene arrotolato al suo interno, scomparendo quasi tutto. Non solo: se volete potete “srotolare” solo una minima parte del pannello, giusto per vedere i titoli delle notizie del giorno e il meteo.

Una soluzione tanto innovativa quanto a lungo attesa, dato che i primi prototipi erano apparsi all’evento fieristico di Las Vegas lo scorso anno. Del resto, anche se il funzionamento sembra semplice, in realtà le cose sono molto più complesse. Soprattutto perché i tecnici hanno dovuto lavorare per assicurare ai clienti che lo stress a cui è sottoposto il pannello ogni volta che lo si accende e spegne non causino guasti in men che non si dica.

Adesso l’attesa è finita e la TV “arrotolabile” è pronta ad entrare in commercio, nella seconda metà del 2019, a quanto pare con una speciale garanzia aggiuntiva. LG infatti assicura che questo TV sarà in grado di fuoriuscire e rientrare dal suo supporto per 50.000 volte, ovvero per 13 anni se l’operazione venisse eseguita 10 volte al giorno. Non abbiamo ulteriori dettagli relativi ai termini di garanzia, né tanto meno sul prezzo, che sicuramente sarà alla portata di pochi.

Da notare poi che, oltre a quanto detto, questo pannello ha una risoluzione 4K per garantire la massima immersività nelle immagini visualizzate. Del resto, stiamo parlando di un prodotto che va ben oltre il tradizionale concetto di top di gamma, quindi è vietato accontentarsi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

HTC presenta Vive Cosmos e Vive Pro Eye, i visori per la realtà aumentata con tracciamento degli occhi e sensori di movimento integrati

prev
Articolo Successivo

Sony presenta il giradischi 2.0, wireless e con uscita USB per digitalizzare gli LP

next