E se dovendo scegliere chi odiare decidessimo, per par condicio, di odiare la mafia almeno quanto i migranti? E i camorristi almeno quanto la Juventus? E gli evasori almeno quanto i clochard? E i corrotti almeno quanto Renzi? Se proprio dobbiamo odiare qualcuno, scegliamo il meglio. Oppure – se non ne siamo capaci – ritiriamoci dalla gara e scegliamo di odiare gli odiatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Luca e Paolo i nuovi epurati? Da ridere. Se Freccero alza il calice di Luttazzi, ma sotto il tappeto nasconde Sangiuliano

prev
Articolo Successivo

Giornalisti de l’Espresso aggrediti, chi manganella e chi guarda. La replica di Franco Gabrielli

next