Flash mob, davanti alla sede della Juventus, di un gruppo di militanti di +Europa e dei Radicali Italiani contro la Supercoppa italiana in Arabia Saudita. I manifestanti,  con un cartellino rosso per dimostrare il loro disappunto nei confronti della Lega Calcio, hanno chiesto “che non si giochi la Supercoppa a Gedda o, quantomeno, che i giocatori scendano in campo con un segno nero sul volto”. “Un mese fa tutti paladini dei diritti delle donne, oggi tutti burattini – ha detto Silvio Viale, coordinatore dei Radicali + Europa, insieme a Patrizia De Grazia -. È una vergogna che si siano venduti i diritti delle donne per una partita di calcio in Arabia Saudita, dove le donne non possono accedere da sole allo stadio”.