Flash mob, davanti alla sede della Juventus, di un gruppo di militanti di +Europa e dei Radicali Italiani contro la Supercoppa italiana in Arabia Saudita. I manifestanti,  con un cartellino rosso per dimostrare il loro disappunto nei confronti della Lega Calcio, hanno chiesto “che non si giochi la Supercoppa a Gedda o, quantomeno, che i giocatori scendano in campo con un segno nero sul volto”. “Un mese fa tutti paladini dei diritti delle donne, oggi tutti burattini – ha detto Silvio Viale, coordinatore dei Radicali + Europa, insieme a Patrizia De Grazia -. È una vergogna che si siano venduti i diritti delle donne per una partita di calcio in Arabia Saudita, dove le donne non possono accedere da sole allo stadio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Supercoppa in Arabia, la Lega Calcio ha ragione. Se volete protestare, spegnete la tv

prev
Articolo Successivo

Serie A, il nostro è il campionato più noioso d’Europa. Vogliamo fare qualcosa?

next