Samsung è a lavoro sul Galaxy S10, ovvero lo smartphone Android che raccoglierà l’eredità dell’attuale Galaxy S9. Rispetto a quanto visto nel corso del 2018, l’azienda sembra intenzionata a introdurre una serie di novità significative. Non dovrebbe trattarsi dunque di un prodotto semplicemente più potente, bensì in grado di tracciare la strada per una nuova esperienza di utilizzo.

Innanzitutto, sembra ormai certo l’arrivo sul mercato di ben cinque varianti del Galaxy S10. La prima dovrebbe essere identificata con la sigla “Lite”, per scontrarsi con prodotti come i Huawei P20 Lite e Mate 20 Lite. Dovrebbe dunque essere una versione depotenziata, con uno schermo da 5,8 pollici (la stessa diagonale di un iPhone XS), due fotocamere posteriori e scocca realizzata in vetro.

Accanto alla variante Lite, dovrebbero esserci poi il Galaxy S10 e il Galaxy S10 Plus, rispettivamente con schermo da 6,1 e 6,44 pollici. Il primo potrà probabilmente contare su due fotocamere posteriori e una anteriore, il secondo su ben tre sensori posteriori e due anteriori. Entrambi saranno caratterizzati da un nuovo design, con la parte frontale interamente occupata dai display che, in alto a destra, presenteranno un vero e proprio foro.

Questo sarà utilizzato per collocare i sensori fotografici anteriori, così da non dover implementare il notch, la “tacca” superiore in stile iPhone. Non solo, la scocca dovrebbe essere realizzata in ceramica anziché vetro, mentre lo sblocco degli smartphone sarà certamente affidato a un sensore per le impronte digitali posizionato direttamente nello schermo: basterà dunque poggiare il dito sul display per accedere ai dispositivi, grazie a una tecnologia basata sugli ultrasuoni.

Infine, le ultime due varianti. La prima dovrebbe essere identificata come Galaxy S10 5G, e di fatto sarà uno dei primi smartphone a poter utilizzare la nuova rete 5G. Quest’ultima è stata indicata dall’ultimo rapporto Ericsson come una delle 10 tendenze hi-tech che potrebbero caratterizzare il nostro futuro, come abbiamo avuto modo di raccontarvi in un precedente articolo. I vantaggi rispetto al 4G saranno molteplici, anche se occorrerà del tempo prima di poterla utilizzare anche in Italia.

Il Galaxy S10 5G dovrebbe poter contare su uno schermo da 6,7 pollici, due fotocamere anteriori e addirittura quattro posteriori. Caratteristiche praticamente identiche anche per la quinta versione, il Galaxy S10 Bolt, che con ogni probabilità rimarrà un’esclusiva del mercato statunitense. L’unica differenza è che quest’ultima dovrebbe poter contare su una batteria particolarmente grande.

Insomma, cinque nuovi smartphone per ritornare a macinare profitti. Il 2018 non è stato un anno esaltante per la divisione mobile di Samsung, che nel trimestre conclusosi a luglio ha visto una diminuzione dei ricavi del 22%, probabilmente anche a causa di risultati al di sotto delle aspettative da parte del Galaxy S9.

È bene comunque sottolineare come le caratteristiche illustrate dei vari Galaxy S10 non possano essere considerate ufficiali. In ogni caso, la presentazione è prevista nel corso del primi tre mesi del 2019, ed è molto probabile che Samsung sfrutti la vetrina mediatica del Mobile World Congress, la grande fiera dedicata agli smartphone che si svolge a Barcellona e che quest’anno si terrà dal 25 al 28 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung presenta tre nuovi monitor ad altissima risoluzione: il top è un 49 pollici per giocatori

prev
Articolo Successivo

Weather Channel app, le previsioni del tempo ci costano più di quanto pensiamo

next