“Mi vergogno di chi ha svenduto gli ideali sportivi al Dio denaro“, disse Matteo Salvini a proposito della finale di Supercoppa italiana in programma in Arabia Saudita. E’ la stessa persona che il 5 giugno 2017 accusava il Qatar di “fiancheggiare i terroristi” chiedendo lo stop all’ingresso in Italia dei suoi finanziamenti ma che il successivo 30 ottobre 2018, in visita a Doha alla fiera degli armamenti Milpol in compagnia di aziende come la Fabbrica d’Armi Pietro Beretta Spa, lo elogiava in quanto “Paese stabile e sicuro dove l’estremismo islamico non ha futuro“, nel quale “passano milioni di posti di lavoro per gli italiani”, dove “ci sono tante opportunità per le imprese italiane” e in cui “ci sono anche prodotti agricoli italiani che arrivano qua, c’è tanta voglia di investire fondi qatarini in imprese italiane, perché qui il made in Italy è amato”. Venghino siòri, venghino: la svendita degli ideali non chiude mai.

@marco_pasciuti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, Freccero contro il Pd: “Mi ha mandato sul satellite, col curriculum che ho. Una vergogna! Capisco di più Berlusconi…”

next