La moglie di Michael Schumacher, Corinna Betsch, ha rotto il silenzio e ha pubblicato su Facebook un lungo messaggio per il compleanno del campione di Formula 1, che compie 50 anni il 3 gennaio. “Siamo lieti e vogliamo ringraziarvi di cuore per festeggiare il cinquantesimo compleanno di Michael con lui e con noi – ha scritto Corinna-. Per fare un regalo a noi e voi, la Fondazione Keep Fighting ha realizzato un museo virtuale. L’app ufficiale di Michael Schumacher sarà scaricabile domani, quindi tutti potremo rivedere i suoi successi. L’app è un’altra pietra miliare nel nostro sforzo di accontentare lui e voi celebrando i suoi successi. Speriamo possiate divertirvi”.

“Michael può essere orgoglioso di ciò che ha raggiunto, e anche noi. Vogliamo ricordare le sue vittorie, i suoi record e le sue gioie“, ha aggiunto, prima di aggiornare i fan sulle sue condizioni di salute: “Potete essere sicuri che è nelle migliori mani, stiamo facendo tutto ciò che è umanamente possibile per aiutarlo. Per favore, comprendeteci se seguiamo i desideri di Michael e facciamo silenzio su un argomento sensibile come la salute, come sempre, per la privacy“.

Nei giorni scorsi infatti, erano circolate delle voci sulle condizioni di salute dopo che il presidente della Fia Jean Todt aveva detto in un’intervista di aver visto con Schumacher il gran premio del Brasile. Una notizia che è stata però travisata, come dice oggi lo stesso Todt alla Gazzetta dello Sport: “Questa notizia è stata riportata male. Io sono sempre stato discreto sulla sua vita privata. Mi hanno chiesto dove avessi visto quella gara e io ho risposto a casa Schumacher. Con lui ho guardato tanti gp prima e anche dopo l’incidente e insieme vedremo ancora tante gare”. L’ex pilota della Ferrari – sette volte campione del mondo – è attualmente in cura nella sua residenza svizzera a Gland, dopo l’incidente sulle nevi di Meribel in Francia avvenuto il 29 dicembre del 2013.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valeria Marini rivela: “Io e Jovanotti abbiamo avuto una storia. Bacia benissimo”

next
Articolo Successivo

Rocco Siffredi e Cristina D’Avena festeggiano insieme Capodanno: dopo la cena sexy, lei gli dedica “L’Uomo Tigre”

next