Grave incidete sugli sci per Micheal Schumacher. L’incidente è avvenuto a Meribel (Francia), mentre l’ex pilota, 44 anni, sciava fuori pista. Il responsabile della stazione sciistica Christophe Gernignon-Lecomte ha confermato l’incidente a RMC: “È caduto e ha sbattuto la testa contro una roccia. Era scioccato, un po’ agitato, ma cosciente. Potrebbe essere un trauma cranico ma non dovrebbe essere nulla di grave”.

Ma nel corso delle ore la situazione del sette volte campione del mondo della Formula 1 è apparsa molto più seria. L’ultimo bollettino medico dell’ospedale – diramato intorno alle dieci di sera – parla di grave trauma cranico. Schumacher sarebbe arrivato in coma nella struttura e le sue condizioni hanno reso necessario un intervento immediato di neurochirurgia. Al momento le sue condizioni vengono definite stazionarie ma “critiche”.

Questo il comunicato integrale: “Il signor Schumacher è arrivato a Grenoble alle 12.40, in seguito a un incidente sugli sci avvenuto in tarda mattinata. Presentava un grave trauma cranico ed è arrivato in ospedale in coma. Si è reso necessario un immediato intervento neurochirurgico e la situazione resta critica”.

(foto da www.gazzetta.it) 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olimpiadi Sochi, tutte le ombre: boicottaggi, doping, ambiente, sicurezza

prev
Articolo Successivo

I calciatori del Barcellona con la maglia della Catalogna in campo l’indipendenza

next