Un cittadino georgiano è rimasto ferito gravemente dopo essere stato aggredito da una tigre del Circo di Lidia Togni attualmente a Reggio Calabria. L’uomo, molto probabilmente in condizioni psicofisiche alterate, forse per l’assunzione di sostanze stupefacenti, ha deliberatamente superato un alto recinto che delimita l’area, vicino alla stazione centrale della città, riservata agli animali ed è stato aggredito dal felino che gli ha quasi staccato un braccio.

Immediatamente soccorso dai dipendenti del Circo Togni il ferito è stato trasportato al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti da dove è stato trasferito in rianimazione. Le sue condizioni sono stazionarie. I medici del nosocomio reggino stanno tentando di salvargli l’arto dilaniato dalla tigre contro la quale lui, in quel momento evidentemente incapace di intendere e di volere, si era scagliato. L’episodio è avvenuto intorno alle 8 di questa mattina. Appena nei locali del pronto soccorso, avrebbe aggredito alcuni utenti della struttura sanitaria reggina. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia che hanno calmato il paziente in stato confusionale. L’uomo avrebbe addirittura afferrato degli attrezzi medici e si sarebbe scagliato contro altri pazienti.

La polizia sta interrogando alcuni testimoni che hanno visto arrivare l’uomo al pronto soccorso. Nel tentativo di ricostruire la dinamica e capire cosa è successo, gli agenti sentiranno anche i responsabili del circo e gli addetti alla custodia degli animali. Sul fronte medico, le condizioni del georgiano non sono buone: i medici potrebbero dover amputare l’arto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etna, aeroporto di Catania chiuso per un’ora. Ingv: “Dalle 9 le scosse sono state 130”

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, cade da trattore guidato dal padre: muore bimbo di 7 anni

next