Ha ragione quell’elettore del centrosinistra che ha votato il M5s e che ha scritto qualche giorno fa un tweet per fare, dice lui, outing (sic, sarebbe “coming-out”)? Sono stati un’enorme delusione? Sì, la delusione è cocente, le aspettative erano altissime e finora il topolino partorito è pure parecchio bruttino e informe. Ha ragione di sostenere di aver fatto un grande errore? Sì e no. Sorvolerò sull’uso propagandistico di un elettore deluso da parte della stampa, rimandando a un ficcante tweet di Selvaggia Lucarelli, la quale scrive “Caspita. Un tizio scrive ‘mi sono pentito di aver votato 5 stelle’ e diventa: a) notizia; b) un trionfo per mille like; c) nuovo leader del Pd’”. E provo invece a spiegare perché è stato e non è stato un “grande errore”.

Chi da sinistra ha votato i 5s non l’ha fatto certo – almeno voglio sperarlo, ché sarebbe una cosa di un’ingenuità imbarazzante – perché pensava di conferire ai 5s il 50% più uno dei voti, ma perché sperava in un’alleanza con le forze della sinistra. La legge elettorale vigente – ma ancor di più il sistema di governo – prevede una Repubblica parlamentare nella quale i governi non si fanno nelle urne. Ci sarebbe stata, con un sistema diverso, la possibilità per l’elettore di avere maggior peso (si veda il sistema maggioritario), ma con un confuso e pasticciato sistema elettorale proporzionale malato e drogato questa possibilità non c’è.

C’era solo la possibilità di ricorrere all’azzardo politico, alla scommessa, al voto: nella speranza che la forza politica indicata avrebbe poi in Parlamento dato vita a un’alleanza di centrosinistra con un Pd derenzizzato, dunque reso responsabile di fronte ai problemi del Paese e con gli occhi bene aperti su ciò che altrimenti al Paese sarebbe accaduto. Perché l’alleanza Pd derenzizzato-5s era necessitata dall’incombere dell’alleanza alternativa, quella in essere. Si fanno le alleanze sulla base dei ricatti? No. Né sarebbe stato facile concepire un’alleanza tra una forza politica “giacobina” e un Pd fatto oggetto (ampiamente ricambiato, sia chiaro) di pesantissimi strali quando erano l’uno forza di opposizione e l’altro di governo. Però il principio del lesser evil in politica ha il suo senso.

A scanso di equivoci preciso: è “colpa” del Pd, che ha spinto i 5s tra le braccia della Lega? No. Ai 5s non l’aveva ordinato il medico di fare un’alleanza qualsivoglia, né si può dire che all’intervento a gamba tesa di Matteo Renzi – mentre Maurizio Martina da Fabio Fazio si dichiarava possibilista – vada attribuita la responsabilità del governo giallo-verde. Ma vi immaginate un immediato ritorno alle urne? Pd annientato dall’ignavia politica e governo necessario 5s-centrodestra a trazione leghista. Insomma, la “colpa” non è del Pd, quanto piuttosto dei 5s che si sono consegnati mani e piedi legati a Matteo Salvini. Certo non c’erano molte alternative, come abbiamo visto. Ma cosa occorreva fare, fiat iustitia et pereat mundus? Non si fa l’alleanza con la Lega, si torna a votare (con gli effetti indicati sopra) o, peggio (altro che urne), ci ritroviamo il solito governissimo di larghe intese e responsabili?

Insomma, la situazione era complicata, e la scelta più tragica è stata dichiarare di volere assistere al naufragio del Paese con un bel po’ di popcorn. Oggi i 5s hanno perso molto appeal, e giustamente, per l’elettore di centrosinistra. Ma bollare come assurda l’idea di una possibile alleanza tra il Partito Democratico e i 5s è l’ennesimo suicidio politico. Pari solo al suicidio di chiudere a Pier Luigi Bersani nel 2013. Vero che in quell’occasione Bersani si presentò arrogantemente (nonostante i toni da bulli dei 5s) pretendendo i voti dei grillini solo come spinterogeno per avviare il proprio governo. Ma i 5s – e qui ancora si para la nobilitate della politica – erano di fronte al dilemma: cedere la “purezza” al primo colpo o capitalizzarla ancora per goderne al turno successivo?

Ma la politica non ha niente di lineare, e fatto un calcolo, il mutamento di una variabile sola manda tutto in fumo. E così i 5s hanno capitalizzato fino al 2018, ma hanno sciupato il raccolto usandolo nella maniera che il Fato politico indicava, e tuttavia mettendoci anche parecchio del loro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, slitta ancora la discussione in Aula: saltano lavori in commissione. Opposizioni: “Si mortifica il Parlamento”

next
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, Pino Aprile: “Giorgetti? Almeno è più sincero di Salvini. Moscovici? Un signor nessuno, va ricusato”

next