Il pil italiano crescerà dello 0,9 per cento nel 2018, lo 0,3 in meno rispetto alla precedente stima. È quanto si legge nelle proiezioni macroeconomiche di Banca d’Italia che specifica come “ritmi di crescita” potrebbero essere “più elevati” se “gli spread sovrani tornassero verso i valori medi registrati nel secondo trimestre dell’anno”. Così per il momento resta invece invariata la stima per il 2019 con una previsione fissata all’’1%, contro l’1,5 per cento stimato dal governo.

Sulla base dello scenario sulle informazioni al 27 novembre scorso, la crescita dell’economia italiana si dovrebbe mantenere attorno all’1% annuo in tutto il triennio 2019-2021. Secondo l’istituto di via Nazionale, “gli effetti sull’attività economica delle misure espansive contenute nella manovra di bilancio sarebbero contrastati dai più elevati tassi di interesse fin qui registrati e attesi, che conterrebbero l’espansione della domanda interna”.

In uno scenario futuro di per sé rallentato, continua la Banca d’Italia nel suo documento, “i rischi al ribasso delle proiezioni sono però assai elevati”. Quelli provenienti dal contesto internazionale sono “associati principalmente a ulteriori irrigidimenti delle politiche commerciali” mentre sul piano interno “resta elevata l’incertezza connessa agli interventi della politica di bilancio e alle possibili ripercussioni sui mercati finanziari e sulla fiducia di famiglie e imprese”.

Bankitalia avverte inoltre che la prosecuzione della crescita potrebbe essere messa a rischio da “ulteriori aumenti dei tassi di interesse sui titoli pubblici, una più rapida trasmissione alle condizioni di finanziamento del settore privato o un più marcato deterioramento della propensione all’investimento delle imprese”. Al contrario, “ritmi di crescita più elevati di quelli prefigurati in questo scenario potrebbero essere conseguiti se gli spread sovrani tornassero verso i valori medi registrati nel secondo trimestre dell’anno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, rivisto al ribasso il Pil: nel 2018 crescerà solo dell’1,5%. Era previsto il 2%

prev
Articolo Successivo

Malafinanza, la soluzione del governo è rimandare. Con buona pace dei risparmiatori

next