Sfera Ebbasta? Ho letto il testo di una sua canzone e mi sono messo le mani nei capelli. Dietro messaggi simili c’è il demonio“. A dirlo ai microfoni dei Lunatici su Rai Radio 2 è l’esorcista don Antonio Mattatelli che, dopo la tragedia in discoteca a Corinaldo, ha commentato la crescente passione dei giovanissimi per il trapper Sfera Ebbasta e per la musica trap e rap in generale. “Non so come si faccia a portare i propri figli in un posto in cui si cantano certe canzoni. Mi sorprende che i ragazzini vengano accompagnati addirittura dai genitori nelle discoteche per partecipare a certi incontri. Le discoteche sono sicuramente luoghi in cui il demonio sguazza“, ha detto.

L’esorcista Don Antonio Mattatelli ha proseguito: “La musica ha una potenza evocativa straordinaria. Si può pregare o evocare Satana con la musica. Questi rapper hanno una funzione anticristica, instillano nei ragazzi dei valori sbagliati. Non voglio colpevolizzare il singolo o i genitori. Servirebbe una svolta a livello di società e di Stato. Si dovrebbe capire che non è più democrazia un regime in cui tutto è permesso e non c’è più nessun fondamento etico. Certe canzoni andrebbero anche vietate, censurate per legge. E le discoteche non dovrebbero essere luoghi non tenebrosi come sono attualmente, luoghi in cui c’è droga, sesso,  promiscuità, luoghi in cui il demonio può piazzare tutto ciò che può pensare per un giovane”.

“Dove sta scritto che i ragazzi debbano sballarsi per forza di notte? Potrebbero divertirsi anche di giorno, ma senza drogarsi, senza ubriacarsi, senza far sesso nell’oscurità in modo disumano. Il pansessualismo è la nuova ideologia propagata dai poteri forti, per distruggere la famiglia e fare in modo che gli individui valgano di meno. Lo Stato dovrebbe intervenire per mettere limite a questa anarchia, che poi in realtà anarchia non è, ma è lo strapotere e dei poteri forti che distruggono tutto, dopo aver distrutto la famiglia ora distruggono anche l’identità della persona. Questo è diabolico al massimo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mel B operata d’urgenza: le Spice Girls si riuniscono in ospedale. Tre ore di intervento ma resta il mistero

prev
Articolo Successivo

Marco Liorni morto, la bufala gira sui social. Lui: “Al momento respiro”. Rita Dalla Chiesa: “Imbecilli, cretini”

next