I messaggi vocali sbarcano anche su Instagram. Dopo WhatsApp, Snapchat, iMessage e Facebook Messenger, adesso anche l'”app delle foto” permette di registrare e inviare messaggi vocali ai propri contatti. Nel bene e nel male, il successo di questo metodo di comunicazione sta spingendo tutti i social ad adeguarsi, Instagram è solo l’ultimo in ordine di tempo.

Il modus operandi non è differente da quello che ormai tutti conosciamo con le altre app, ci piaccia o no. Per inviare un messaggio vocale basta selezionare l’icona di messaggistica dell’app, tenere premuto il pulsante che raffigura un microfono all’interno della casella originariamente predisposta per digitare il testo dei messaggi, e dire quello che si vuole trasmettere.

 

Una volta terminato, basta rilasciare il pulsante e il messaggio audio verrà immediatamente inviato. Se vi siete “impappinati”, invece di togliere il dito dall’icona del microfono, trascinatela verso il cestino e il messaggio sarà eliminato.  Funziona anche selezionando l’icona di messaggistica e portando il telefono all’orecchio come se aveste avviato una chiamata. Sentirete un segnale acustico, a indicare che potete iniziare a parlare. Come con le segreterie telefoniche, insomma.

Per ascoltare i messaggi non serve una guida: funziona tutto come con le altre app, ed è oltremodo intuitivo. Tutto a patto che abbiate scaricato l’ultimo aggiornamento dell’app, sia per iOS che per Android. Nel tweet in cui ha annunciato la novità, l’azienda invita gli utenti a parlare in modo naturale. Naturale e, aggiungiamo noi, sintetico. Per un racconto di 20 minuti esistono ancora le telefonate!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple Beddit Sleep Monitor, sonno sotto controllo senza indossare nulla

prev
Articolo Successivo

Google Plus chiude in anticipo, la seconda violazione della sicurezza è la mazzata finale

next