Denis Verdini è stato rinviato a giudizio per finanziamento illecito ai partiti nell’ambito dell’inchiesta sul “Sistema Siracusa”, che ha come ‘cuore’ la compravendita di sentenze. L’ex senatore di Ala inizierà ad affrontare il processo il prossimo 22 gennaio davanti al tribunale di Messina assieme a Giuseppe Mineo, ex magistrato del Consiglio di giustizia amministrativa della Regione Siciliana.

Secondo l’accusa, Verdini ha ricevuto 300mila euro dal legale dell’Eni, Piero Amara. Il denaro sarebbe servito a indurlo a sostenere la designazione di Mineo al Consiglio di Stato. In effetti Mineo venne indicato dal consiglio dei Ministri del governo di Matteo Renzi tra i possibili neo magistrati del Consiglio di Stato, ma la nomina venne stoppata a causa del procedimento disciplinare a cui il giudice era sottoposto.

Davanti al gup di Messina, Monica Marino, ha invece patteggiato una pena di 5 anni il magistrato Giuseppe Drago, pure lui accusato di corruzione che dovrà anche dimettersi dalla magistratura e rinunciare all’indennità di fine servizio. Le posizioni di Amara e di un altro legale, Giuseppe Calafiore, sono state stralciate. Entrambi da molto tempo collaborano con i pubblici ministeri per accertare il il “Sistema Siracusa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, uccisero due connazionali a colpi di pistola dopo inseguimento in auto: condannati cinque albanesi

next
Articolo Successivo

“Martina Rossi precipitata dal sesto piano per sfuggire alla violenza”: chiesti 7 anni per i due imputati

next