“Sono grato alla trasmissione manuale”. Lo scrive su Facebook Bryant Swenson dopo che, insieme alla compagna Lauren, è riuscito a sfuggire all’agguato teso da tre banditi sulla strada che da Maii Mahiu porta Kijabe, in Kenya. La coppia americana si è trasferita dallo Utah a Nairobi, dove ha aperto una palestra di CrossFit. Proprio sulla pagina Facebook della loro attività, FirstPower CrossFit, hanno pubblicato il video della tentata aggressione del 30 novembre scorso (la data che appare in sovrimpressione è errata): mentre erano sul loro fuoristrada, i due hanno incrociato un furgone bianco da cui sono scesi i banditi. Uno di loro brandiva un machete, un altro “aveva una pistola“, si legge. Grazie a una manovra, Bryant e Lauren Swenson sono però riusciti a fuggire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega a Roma, i manifesti ironici contro Salvini. Giordano Bruno: “Stavolta mi do fuoco da solo”

prev
Articolo Successivo

Razzo Falcon di Elon Musk doveva rientrare sulla Terra: comincia la manovra ma poi qualcosa va storto

next