Stefano Gabbana alle prese con Tapiro D’Oro. Dopo la “vicenda cinese” e il mare di polemiche che ha travolto la maison italiana, Valerio Staffelli ha raggiunto uno dei due stilisti che alla domanda “ma cosa è successo con i cinesi? Cosa avete combinato?”, ha risposto: “Siamo molti spiacenti. Conosciamo la popolazione, ma non pensavamo se la prendessero. Non pensavamo di fare un errore così grosso”. E sulla vicenda ha poi aggiunto: “È più fumo che arrosto, sui nostri account l’80% dei commenti sono di profili finti”. Infine, l’inviato di Striscia chiede di ripetere le scuse in cinese e Gabbana ammette: “Non mi ricordo come si dice”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bruno Vespa: “Accarezzo ancora la fontanella di mio figlio Federico di 39 anni e lui ricambia”

prev
Articolo Successivo

“Se noi abbiamo “spelacchio” i francesi hanno “suppostacchio”: i social sbeffeggiano il presunto albero di Natale-dildo di Parigi ma la notizia è fake

next