Utilizzavano la parola “Berlusconi” come parola chiave per comunicare in modo cifrato il nuovo numero di cellulare in uso alla banda. È lo stratagemma di un gruppo di trafficanti di cocaina, arrestati dalla Squadra Mobile di Milano. “Berlusconi”, infatti, è una parola composta da dieci caratteri diversi e ad ogni lettera era assegnato un numero: in questo modo bastava inviare ai complici la parola scomposta o con ripetizioni (tipo tre volte R per indicare il 333). Il sistema ha consentito al gruppo per un certo periodo di evitare intercettazioni ma infine gli investigatori sono riusciti a risalire alle utenze.

Alla fine dell’inchiesta il gip di Milano ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che ha smantellato una rete criminale dedita al traffico internazionale di cocaina. Agli arresti sono finiti nove persone: nove albanesi e due italiani. Cinque arresti sono stati compiuti in flagranza di reato e sequestrati circa 40 chili di cocaina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, minuti di panico al centro commerciale Grandapulia: svaligiano la gioielleria coi fucili, persone in fuga nei negozi

prev
Articolo Successivo

Crescent, De Luca trova i colpevoli: soprintendenza e ‘finti ambientalisti’ fermano le grandi opere

next