Nell’era digitale tutti produciamo una quantità esagerata di dati, e tutti prima o poi dobbiamo affrontare il problema di dove archiviarli per non perderli. Ecco allora il nuovo piano tariffario Amazon Glacier, che permette di tenere al sicuro 1 terabyte di dati al costo irrisorio di 1 dollaro al mese. Sarà attivo dall’inizio del prossimo anno e consiste in una soluzione di cloud storage, ossia di archiviazione dati su un server remoto, che in questo caso è gestito da Amazon.

Non dovete considerarlo come un concorrente di OneDrive di Microsoft, per esempio. Il nome “Galcier” lascia intendere che parliamo di una soluzione di archiviazione a lunga durata. Una cassaforte affidabile in cui chiudere il proprio patrimonio digitale, che si tratti di foto, video, film o musica. Per esempio, potete riporre qui le foto dei vostri figli da quando sono nati al 2015, per essere certi di non perderle nel prossimo ventennio. Amazon garantisce una durabilità del 99,999999999% e funzionalità di sicurezza tali da soddisfare anche le normative e i requisiti più severi. Al contrario, se volete archiviare online un file Word su cui state lavorando, Glacier non è la soluzione che fa per voi, meglio optare per Dropbox o simili.

Immagine: Depositphotos

 

Glacier rientra nel grande comparto AWS (Amazon Web Services), che costituisce la divisione dell’azienda statunitense responsabile dell’archiviazione dei dati. Per lo più i servizi sono rivolti alle aziende, ma Glacier è aperto anche ai consumatori finali. Nella versione precedente, l’archiviazione costava tra 4 e 5 dollari per TB, e bisognava pagare per il recupero e il trasferimento dei dati. Con la nuova proposta, archiviare fino a 10 GB di dati è gratuito, così come recuperare 1 GB di dati. Con il nuovo Glacier Deep Archive si può memorizzare 1 TB di dati per 1 dollaro al mese. Per beneficiare di questa proposta, da gennaio 2019 potete collegarvi al sito, creare un account Amazon Web Services (AWS) e scegliere l’opzione che più vi aggrada.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Intelligenza artificiale sarà l’arma più efficace contro il terrorismo in Europa

prev
Articolo Successivo

Le vendite online vanno a gonfie vele, gli italiani comprano libri e viaggi, ma anche cibo

next