Francesco Totti è entrato ufficialmente a far parte della Hall Of Fame della Roma. Il fuoriclasse di Porta Metronia è diventato il 28° giallorosso, il primo per decisione diretta della società, a fare il suo ingresso nella prestigiosa galleria di campioni in una cerimonia svolta sotto la Curva Sud di uno stadio Olimpico strapieno e traboccante amore nei confronti del suo simbolo, nell’immediata vigilia della sfida di Champions League Roma-Real Madrid.

All’ex capitano della Roma, visibilmente commosso, è stata consegnata una maglia sartoriale della Hall Of Fame da altre due leggende del club: Paulo Roberto Falcao e Bruno Conti. “E’ un giorno significativo e importante, essendo romano, romanista, capitano, è stato un privilegio -ha detto Totti-. E’ una cosa difficile da descrivere, davanti a questo pubblico è sempre emozionante. La cosa più bella è rimanere uniti, sono tutti fratelli e sorelle per me. Li amo veramente. Loro sono nella mia hall of fame. Ho voluto sposarla questa hall of fame, l’ho sempre voluto”. Prima di congedarsi dal suo pubblico ha compiuto un giro di campo con la maglia in mano.

La maglia è stata realizzata dal sarto Mario Calvo, sul petto è ricamata la scritta ‘AS Roma Hall of Fame’, sulla schiena il cognome del giocatore e sulla manica destra l’anno di elezione. Per ciascun membro della Hall of Fame vengono prodotti due esemplari, uno va al calciatore eletto, l’altro rimane alla Società ed è destinato al futuro museo nello Stadio della Roma.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi 2026, le guglie del Duomo di Milano e le montagne di Cortina: lo spettacolare video ufficiale della candidatura

next
Articolo Successivo

Dudelange-Milan, Gattuso difende la squadra contro la stampa: “Perché dovete far polemica a tutti i costi?”

next