“Feci presente più volte a Maroni e Salvini che si stava spendendo troppo e troppo in fretta. Nessuno, all’interno del Consiglio Federale, si oppose a queste spese”. Lo racconta Stefano Stefani, ex tesoriere della Lega durante la segreteria di Maroni e successore di Francesco Belsito, ai microfoni di Tpi. Fu lui che all’epoca autorizzò le spese che azzerarono le casse del partito.  “Non contavo niente, ero un mero esecutore” ammette oggi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi Lega, Salvini: “Sentenza? Parlatene con gli avvocati, non mi occupo di processi o di soldi”

next
Articolo Successivo

M5s, Salvini: “Padre di Di Maio? Non commento, felice che il mio sia un tranquillo pensionato”

next