“Feci presente più volte a Maroni e Salvini che si stava spendendo troppo e troppo in fretta. Nessuno, all’interno del Consiglio Federale, si oppose a queste spese”. Lo racconta Stefano Stefani, ex tesoriere della Lega durante la segreteria di Maroni e successore di Francesco Belsito, ai microfoni di Tpi. Fu lui che all’epoca autorizzò le spese che azzerarono le casse del partito.  “Non contavo niente, ero un mero esecutore” ammette oggi

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi Lega, Salvini: “Sentenza? Parlatene con gli avvocati, non mi occupo di processi o di soldi”

next
Articolo Successivo

M5s, Salvini: “Padre di Di Maio? Non commento, felice che il mio sia un tranquillo pensionato”

next