“Feci presente più volte a Maroni e Salvini che si stava spendendo troppo e troppo in fretta. Nessuno, all’interno del Consiglio Federale, si oppose a queste spese”. Lo racconta Stefano Stefani, ex tesoriere della Lega durante la segreteria di Maroni e successore di Francesco Belsito, ai microfoni di Tpi. Fu lui che all’epoca autorizzò le spese che azzerarono le casse del partito.  “Non contavo niente, ero un mero esecutore” ammette oggi

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, Salvini: “Sentenza? Parlatene con gli avvocati, non mi occupo di processi o di soldi”

next
Articolo Successivo

M5s, Salvini: “Padre di Di Maio? Non commento, felice che il mio sia un tranquillo pensionato”

next