E’ durata quasi 8 ore la guerriglia scatenata dai casseur mescolati ai “Gilet gialli” nel centro di Parigi. In serata gli Champs-Élysées, dove per tutti il giorno i manifestanti si sono scontrati con le forze dell’ordine, sono stati evacuati e c’è un graduale ritorno alla calma. Il bilancio parla di 20 feriti fra i manifestanti, il più grave di quali è rimasto gravemente colpito a una mano, 4 fra i poliziotti. I fermi sono stati 34.

Sacche di disordini restano in diversi punti della città, a cominciare dalla Avenue de la Grande Armée, dalla parte opposta degli Champs-Élysées rispetto all’Arco di Trionfo. Lì molti casseur, costretti dalla polizia a sgomberare, hanno cominciato ad incendiare cassonetti e arredo urbano riproponendo a distanza quanto avvenuto nelle ore precedenti sugli Champs. La polizia, anche in questo caso, ha reagito con lacrimogeni, getti d’acqua e granate assordanti. Un incendio di veicoli è segnalato anche a Place de la Madeleine, mentre la Bastiglia ha visto da circa mezz’ora il dispiegamento di qualche centinaio di manifestanti, al momento senza incidenti.

Guerriglia urbana nel centro di Parigi – In mattinata 5mila “Gilet gialli”, secondo le stime del ministero dell’Interno, hanno invaso gli Champs-Élysées nonostante il divieto di assembramento e si sono scontrati con la polizia in assetto antisommossa, che ha risposto a colpi di manganelli e lanciando gas lacrimogeni. Il centro della capitale francese è in pieno caos, la polizia sta facendo uso anche di granate assordanti per tentare di disperdere i manifestanti che hanno innalzato barricate.

Il ministro dell’Interno francese Christophe Castaner – secondo il quale a scendere in piazza oggi sono scese 81mila persone in tutto il Paese, 8mila nella capitale e 5mila sugli Champs-Élysées – ha apertamente accusato la leader dell’ultradestra, Marine Le Pen, di aver “incitato ai disordini” esortando i gilet gialli ad andare sugli Champs-Élysées, dove erano presenti dei “sediziosi di estrema destra“. La leader del RN ha risposto immediatamente: “Condanno le violenze ma la smettano di utilizzarle contro il movimento”.”Questa è la mobilitazione del popolo, anche se il governo vuol far credere che si tratta di gente di estrema destra e che sono poco numerosi”, ha commentato il leader dell’estrema sinistra radicale di France Insoumise, Jean-Luc Melenchon. “Non sono né di estrema destra, né poco numerosi”, ha aggiunto. 

La celebre via è rimasta per ore interamente avvolta dai lacrimogeni, i manifestanti al grido di  “Macron dimettiti” e “La Francia in collera“, hanno protestato al centro della strada e costruito barricate con panchine divelte e cassonetti. Ingenti i danni all’arredo urbano su quella che i parigini definiscono “la strada più bella del mondo”, con vetrine distrutte e auto danneggiate: alcuni “casseur” hanno infatti divelto sampietrini con sbarre di ferro per lanciarli contro la polizia. Non solo, si sono impadroniti anche di un rimorchio di cantiere nei pressi degli Champs-Élysées, lo hanno trascinato al centro della celebre avenue e lo hanno incendiato proprio davanti al celebre ristorante Le Fouquet’s. Una densa colonna di fumo nero si alza dall’area delle fiamme, visibile da gran parte dei quartieri della città. 

Nel pomeriggio diversi manifestanti sono riusciti ad arrivare nella rue du Faubourg Saint-Honoré dove, al numero 55, sorge il palazzo dell’Eliseo. La strada e i suoi dintorni erano stati blindati dalla polizia, ma molti sono riusciti ad entrare togliendo il gilet giallo per rimetterlo poco dopo. Intanto, dalla vicina Champs-Élysées, hanno continuato a levarsi nuvole di fumo nero per gli incendi di cassonetti e veicoli di cantiere, dati alle fiamme dai casseur. Nel frattempo, altri gruppi manifestano pacificamente in altri quartieri di Parigi, così come in altre province.

Le proteste nel resto del Paese – A Bordeaux centinaia di persone hanno dimostrato nonostante il divieto che era stato imposto dalle autorità, che hanno dispiegato un importante dispositivo di sicurezza. Venerdì sera una quarantina di gilet gialli, col volto coperto da passamontagna o caschi, avevano fatto irruzione ieri sera nella casa di famiglia di Mireille Robert, deputata de La Republique en Marche, partito di maggioranza di governo. La proprietà viticola della deputata sorge a Limoux, nel sud-ovest della Francia, vicino a Tolosa, è stata invasa dai dimostranti che hanno gridato delle minacce contro i presenti e hanno poi dato fuoco ad alcune tavole prima di fuggire e dell’arrivo dei gendarmi. “Un gesto ignobile”, ha twittato Benjamin Griveaux, portavoce del governo, che ha espresso “condanna senza ambiguità per questi comportamenti inaccettabili”.

Le cause della protesta – I “giubbotti gialli” protestano contro l’aumento delle tasse sui carburanti e questa è la loro seconda giornata di mobilitazione dopo quella di sabato scorso, dove 282mila persone hanno bloccato strade e siti strategici in tutta la Francia, causando la morte di 2 persone e il ferimento di altre 620. I manifestanti chiedono di poter vedere il presidente della Repubblica Emmanuel Macron ma la polizia sta cercando di impedire loro di accedere alla Concorde e alla zona dell’Eliseo.

Alle 14 era prevista una manifestazione autorizzata a Champ de Mars, vicino alla Tour Eiffel, ma gli organizzatori della protesta hanno rifiutato la proposta spiegando di non voler essere tenuti lontani dai luoghi del potere parigino. E hanno quindi inviato un “comunicato”, firmato “I cittadini francesi” e pubblicato sui social, annunciando un “raduno di individui su iniziative personali”, “tutto il giorno” nel “distretto degli Champs-Élysées”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legalizzazione droghe leggere, l’Asia è pronta a dare il via al commercio di marijuana per scopi terapeutici

next
Articolo Successivo

Silvia Romano, la polizia: “È viva. Non abbiamo dubbi”. Identificati tre sospetti: “Ricompensa a chi dà informazioni”

next