Camera dei deputati, il disegno di legge anticorruzione è, almeno qui, a fine corsa. Prima, però, come di consueto, sono previste le dichiarazioni di voto di ciascun gruppo parlamentare. Per il gruppo misto Noi con l’Italia-Usei prende la parola l’onorevole Eugenio Sangregorio. “È… è un…”, balbetta, si interrompe, prova a riprendere ma non c’è niente da fare, finché la presidente di turno, Maria Edera Spadoni, arriva in suo soccorso: “Collega, vuole un po’ d’acqua?”. “Il problema è che è la mia prima volta, sono un po’ emozionato” si giustifica il deputato più anziano dellla XVIII legislatura, classe ’39, emigrato in Argentina a 18 anni.

In quel momento stavo ascoltando la diretta dall’Aula. E, immediatamente, mi si è stretto il cuore per quell’uomo, teso, in difficoltà, che in cinque minuti d’intervento è riuscito a fatica a leggere quattro righe da un foglio. Il meccanismo che è scattato – e che scommetto sia scattato al 99,9% delle persone che hanno assistito alla scena – è noto. Si chiama empatia, ed è quella sorta di vicinanza umana, metafisica, che ci fa sperare che a chi interviene da un palco (a meno che non si abbia un valido motivo, seppur soggettivo, di volergli male) fili tutto liscio; o che, per esempio, ci fa “tifare” per la squadra di bassa classifica quando si scontra con i primi della classe.

Poi, da giornalista, mi sono chiesto: ma è normale che un deputato della Repubblica, che nella propria circoscrizione ha ottenuto quasi 36mila preferenze (bravo lui, davvero), che tra stipendio, diaria e rimborsi guadagna circa 12mila euro al mese, non riesca a parlare in Aula? No, non lo è. E non lo è per una serie di ragioni.

La prima: Sangregorio rappresenta gli elettori della circoscrizione “Estero B”, quelli dell’America Meridionale. E li rappresenta tutti col dovere, se vogliamo credere che il Parlamento sia ancora il luogo, per eccellenza, in cui si esercita la nostra vita democratica, di portare i loro interessi. Detto prosaicamente: se vivessi in Argentina e avessi visto l’intervento del fondatore dell’Unione sudamericana emigrati italiani, avrei tutto il diritto a essere incazzato.

Secondo punto: tra i compiti richiesti a un parlamentare – e, di conseguenza, tra le competenze – c’è quello di parlare in Aula. Non sto dicendo che debba essere un formidabile comunicatore, per carità. È sufficiente, dico, che sappia prendere parola e portare a termine un discorso senza che i suoi limiti, qualsiasi essi siano, minino il risultato di quanto ha inteso comunicare. L’atto perlocutorio, per scomodare John Austin.

Obiezione, vostro onore: a me non interessa che un deputato comunichi in Parlamento; a me interessa che lavori, proponga leggi ecc.ecc. Benissimo, e allora andiamo a verificare: Sangregorio, dal 23 marzo 2018 al luglio scorso (unici dati disponibili finora sul sito della Camera), ha partecipato al 35,47% delle votazioni (assente giustificato nel 2,36% dei casi) ed è stato cofirmatario di cinque proposte di leggi.

Umanamente, sono vicino a Sangregorio e al suo piccolo inciampo (peraltro la paura di parlare in pubblico, assai diffusa tra le persone, non mi lascia indifferente). Tuttavia, dal punto di vista professionale – e da cittadino – mi permetto di criticarlo.

P.S. Mi è stato fatto notare, da amici-lavoratori, che se a un colloquio di lavoro ti manca una delle competenze richieste, semplicemente vieni scartato. Ma visto che qui non stiamo parlando di un’azienda privata, dico: viva l’uomo-Sangregorio, che ha mostrato un po’ di fragilità tra banchi frequentati, in genere, da squali. Ma attenzione, politico-Sangregorio, perché aspettiamo il tuo prossimo intervento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, Lega ancora in crescita: distanza di 7 punti da M5s. E Salvini è primo anche in Emilia-Romagna

next
Articolo Successivo

Corleone, foto con Salvatore Provenzano del candidato M5s. Di Maio lo scarica: “Va espulso e via simbolo alla lista”

next