Un’arma dolce per contrastare il tumore. La somministrazione di uno zucchero semplice, il mannosio, da sola o abbinata alla chemioterapia rallenta la crescita tumorale nei topi. È quanto emerge da uno studio pubblicato online su Nature da un team di studiosi britannici. Sebbene si tratti di risultati promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’effetto di questo zucchero, avvertono i ricercatori. Ma come mai il mannosio ha questo effetto? Molti tumori subiscono cambiamenti metabolici e mostrano un aumento dell’assorbimento di glucosio. Ciò ha fatto ipotizzare che la somministrazione di alcuni tipi di zucchero influenzasse la loro crescita. Il team di Kevin Ryan di Cancer Research Uk a Glasgow ha studiato gli effetti del mannosio monosaccaride sulla crescita delle cellule tumorali. Ebbene, secondo i ricercatori questo zucchero riduce la crescita delle cellule tumorali e potrebbe interferire con il metabolismo del glucosio. Inoltre il mannosio ha aumentato significativamente la morte cellulare quando veniva somministrato insieme ai chemioterapici cisplatino o doxorubicina.

Nello studio ad alcuni topi affetti da vari tipi di tumore è stato somministrato del mannosio sia attraverso un sondino tre volte alla settimana, sia continuamente attraverso l’acqua potabile. Il trattamento – come riporta AdnKronos Salute – con questo zucchero è risultato ben tollerato e sembra ridurre la crescita del tumore, sia da solo che in combinazione con la doxorubicina. La sensibilità cellulare al mannosio era correlata con i livelli più bassi dell’enzima fosfomannosio isomerasi (Pmi). Gli autori hanno testato i livelli di Pmi in varie cellule tumorali umane (carcinomi ovarici, renali, della mammella, della prostata e del colon-retto) e hanno descritto diversi livelli di Pmi cellulare fra i vari tipi di tumore. In particolare, i tumori del colon-retto avevano bassi livelli di Pmi, dunque secondo i ricercatori queste neoplasie potrebbero essere più sensibili al mannosio. Inoltre, i topi con tumore del colon-retto hanno sviluppato significativamente meno tumori se avevano preso il mannosio. Gli autori concludono che il trattamento con questo zucchero potrebbe rappresentare un modo semplice e sicuro per ostacolare la crescita del tumore. Ma occorrono ulteriori ricerche per confermarlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legame tra microbiota e depressione? Una funzione matematica e un test del sangue per nuova diagnosi

prev
Articolo Successivo

Vaccini, commissario Ue all’Italia: “O vi basate su fake o salvate vite. Obbligo? L’importante è raggiungere coperture”

next