Oggi alle 14:00 ha aperto ufficialmente i battenti il negozio italiano online di Xiaomi. Il produttore cinese di smartphone ha registrato un successo folgorante in Italia in virtù dell’ottimo rapporto prezzo/prestazioni dei suoi prodotti. Da oggi sarà più facile acquistarli, senza correre il rischio di cadere nelle mani di venditori disonesti. Il negozio ufficiale si trova a questo indirizzo, e considerando che siamo nella settimana del Black Friday, l’azienda cinese propone degli sconti.

I negozi fisici esistono, ma sono pochi, per lo più collocati all’interno di grossi centri commerciali, come quello di Arese alle porte di Milano. Il fatto che apra uno store online ufficiale è una conferma del fatto che il nostro mercato è importante per l’azienda. Anzi, è fra quelli di punta, se consideriamo i dati appena pubblicati dalla società di ricerca Canalys. Nel periodo fra aprile e giugno 2018, Xiaomi si è affermato come quarto marchio di smartphone in Italia. A soli sei mesi dal debutto nel nostro mercato (avvenuto il 24 maggio).

Vincente la strategia di puntare soprattutto sulla fascia media e medio-bassa del mercato. Ricordiamo, poi, che oltre agli smartphone, l’azienda cinese ha portato nel nostro mercato anche altre tipologie di dispositivi, fra cui spazzolini elettrici, monopattini elettrici e altro. Il marchio però è salito alle luci della ribalta più che altri per gli smartphone.

Se siete alla ricerca di un prodotto di buona qualità a un prezzo onesto, date un’occhiata al PocoPhone F1 e al Mi Max 3 che abbiamo recensito di recente. Se poi siete appassionati di giochi, seguite l’arrivo sul mercato del Black Shark, lo smartphone indirizzato ai gamer. Non dimenticate, infine, che Xiaomi sarà la prima a immettere sul mercato uno smartphone Android 5G. Nomi a parte, il potenziale di Xiaomi sembra inarrestabile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Auto rubata? In futuro basterà la denuncia per farla tornare da voi, da sola

prev
Articolo Successivo

Intelligenza artificiale contro le buche stradali, non ci sono più scuse

next