Go Vacation è un titolo che raggruppa oltre 50 minigiochi/attività dal carattere sportivo-vacanziero lanciato da BandaiNamco nel 2011 inizialmente per la Wii e che quest’estate è stato rilasciato in una versione dedicata all’ultima console di Nintendo, la Switch.

Il titolo permette ai giocatori di creare un proprio avatar/personaggio che lo rappresenti nel mondo di gioco, sbloccando man mano nuove opzioni di personalizzazione e costumi, e di visitare nel corso del gioco 4 diverse tipologie di resort situati sull’immaginaria Kawawii Island, ognuno caratterizzato da una diversa tipologia di attività e di mezzo di trasporto: il primo a cui si accede è un resort di mare, che vedrà i giocatori impegnati in attività da spiaggia, come il beach volley, o acquatiche come le gare di moto d’acqua e la pesca subacquea. Completando le attività disponibili in un resort si guadagnerà l’accesso a quello successivo, passando dunque al resort montano dove troveremo tra le attività l’equitazione ed il rafting, a quello innevato in cui si potrà sciare, gareggiare con motoslitte e costruire pupazzi di neve, per infinie arrivare al resort cittadino in cui si avrà accesso ad attività da luna-park/sala giochi come il tiro a bersaglio, ed attività “esterne” come gare automobilistiche ed acrobazie con skate e pattini.

I controlli necessari per ogni attività sono molto semplici, basta infatti anche un singolo JoyCon per poter giocare senza problemi utilizzando il joystick e tasti a disposizione, ed in modo limitato alcune gesture con il controller stesso, non aspettatevi però la fisicità dei celebri Wii Sport e Wii Sport Resort. Essendo stato pensato per una console casalinga come la Wii, Go Vacation non da il suo massimo quando la Switch è utilizzata in modalità “hand-held, inquanto i comandi tramite gesture comporterebbero in questa situazione la necessità di muovere l’intera console, con la conseguente impossibilità di guardare lo schermo integrato nella stessa.

Basta però semplicemente rimuovere i JoyCon – i due controller che si agganciano lateralmente alla console di Nintendo – e collegare la Switch alla TV mediante la docking station, o posizionarla in modalità “cornice” utilizzando l’apposito sostegno integrato (utile se siete fuoricasa), e si è pronti per giocare comodamente da soli o con un’altro player, utilizzando ciascuno uno dei due joycon, arrivando ad un massimo di 4 giocatori con un’altra coppia di controller.

Dal punto di vista grafico il titolo di BandaiNamco presenta uno stile cartoony, offrendo ambientazioni carine ma senza eccessive pretese, ma al contempo più che adatte alla tipologia di gioco; il musiche ed effetti sonori è perfettamente in linea con il resto del comparto artistico. Pretendere una fisica iperealistica sarebbe inopportuno, non pensiate però che scalare una montagna innevata sia un gioco da ragazzi senza una motoslitta!

A nostro parere Go Vacation presenta un’ottima varietà di attività se cercate un gioco su cui svagarvi senza troppo impegno, ma raggiunge il massimo delle sue possibilità giocando in compagnia e sfidandosi in famiglia o tra amici, perfetto anche per sfruttare i momenti “liberi” in vacanza anche se non avete una TV grazie allo schermo della console di Nintendo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razer BlackWidow Elite, l’ultima generazione della tastiera meccanica di Razer corregge i piccoli difetti del passato

prev
Articolo Successivo

Vodafone ‘boccia’ la strategia di Iliad. Chi ha davvero ragione

next