Quentin Tarantino è un cretino e i suoi film spazzatura”. E il pensiero che il sito della versione tedesca di Playboy ha attribuito al 90enne enne artista premio Oscar proprio con un film del regista americano. Parole che hanno fatto il giro del mondo e hanno spinto un altro regista, Giuseppe Tornatore, ad avvertirlo. Il risultato è una smentita e l’annuncio di una querela contro la testata. “Darò mandato ai miei avvocati di denunciare la rivista e il giornalista di cui ignoro nome e volto. Mai incontrato. Sono fuori di me, non capisco come certe cose possano accadere nel giornalismo. Stamattina mi ha chiamato per informarmi di questa vicenda il mio amico Tornatore, ma sono letteralmente caduto dalle nuvole” ha fatto sapere il musicista come riporta il sito di Repubblica.

E così quelli che pensavano che il maestro si volesse togliere un enorme sasso dalla scarpa devono pensare alla solita bulfala. Nella presunta intervista lo straordinario autore romano di colonne sonore, tra le altre, della “trilogia del dollaro”, C’era una volta il west e Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, sparava a zero sul regista di Pulp Fiction. “Lavora in modo caotico, parla senza riflettere, fa tutto all’ultimo momento”, segnalando anche che a suo avviso è un regista che “ruba idee e spunti agli altri colleghi del passato per poi mescolare tutto e rielaborarlo di nuovo: non c’è nulla di originale in quello che fa, e non andrebbe nemmeno chiamato regista”. “Non ha nulla di comparabile con gli altri grandi di Hollywood come John  Huston, Alfred Hitchcock, Billy Wilder. Loro avevano classe, Tarantino cuoce semplicemente minestre riscaldate”. Parole fortissime che vengono disconosciute dal musicista e vale la pena ricordare che solo ieri Tarantino aveva pubblicato il 10 novembre un tweet corredato con tanto di fotografia con lui e il compositore in mezzo agli orchestrali con cui è stato eseguito il soundtrack di The Hateful Eight: il film per il quale Morricone ha vinto il suo primo ed unico Oscar in quasi 60 anni di carriera internazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hilary Duff dopo il parto: “Ho bevuto la mia placenta. Il frullato era delizioso”

next
Articolo Successivo

Aerosmith, malore per il chitarrista Joe Perry durante un concerto: intubato nel backstage

next