Dalla BB cream alla maschera in tessuto, dal veleno d’api alla bava di lumaca: ormai tutte le novità in fatto di bellezza arrivano dalla Corea del Sud, dove la cura meticolosa della pelle è un rito antichissimo, aggiornato con le ricerche più avanzate nelle formulazioni. Fino a non molto tempo fa si potevano acquistare solo online, adesso questi prodotti si trovano in ogni profumeria (Sephora ha proprio un angolo dedicato) e a Milano ha aperto il primo negozio interamente dedicato alla K-beauty (dove K sta per Korean), MiiN Cosmetics.

Si riconoscono dalle confezioni spiritose, a forma di panda e di uovo, dagli ingredienti sofisticati e dalla varietà di prodotti a noi sconosciuti: essenze, ampoule, lozioni da vaporizzare. Perché la routine coreana prevede dagli otto ai dieci prodotti da applicare sulla pelle: un grande test di resistenza o una ricetta miracolosa?

Bellezza, è Corea-mania: dalle maschere in tessuto all’essenza, la guida al rituale asiatico passo dopo passo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Donatella Versace apre il suo guardaroba: “Me lo avete chiesto in tanti…”. Il risultato? Giudicate voi

prev
Articolo Successivo

Dolce&Gabbana in Cina, in un video promo la modella mangia un cannolo e una voce commenta: “E’ troppo grande per te?”. E’ polemica. Il marchio: “Vittime degli hacker”

next