Dalla BB cream alla maschera in tessuto, dal veleno d’api alla bava di lumaca: ormai tutte le novità in fatto di bellezza arrivano dalla Corea del Sud, dove la cura meticolosa della pelle è un rito antichissimo, aggiornato con le ricerche più avanzate nelle formulazioni. Fino a non molto tempo fa si potevano acquistare solo online, adesso questi prodotti si trovano in ogni profumeria (Sephora ha proprio un angolo dedicato) e a Milano ha aperto il primo negozio interamente dedicato alla K-beauty (dove K sta per Korean), MiiN Cosmetics.

Si riconoscono dalle confezioni spiritose, a forma di panda e di uovo, dagli ingredienti sofisticati e dalla varietà di prodotti a noi sconosciuti: essenze, ampoule, lozioni da vaporizzare. Perché la routine coreana prevede dagli otto ai dieci prodotti da applicare sulla pelle: un grande test di resistenza o una ricetta miracolosa?

Bellezza, è Corea-mania: dalle maschere in tessuto all’essenza, la guida al rituale asiatico passo dopo passo

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donatella Versace apre il suo guardaroba: “Me lo avete chiesto in tanti…”. Il risultato? Giudicate voi

next
Articolo Successivo

Dolce&Gabbana in Cina, in un video promo la modella mangia un cannolo e una voce commenta: “E’ troppo grande per te?”. E’ polemica. Il marchio: “Vittime degli hacker”

next