Asia Bibi è stata scarcerata ed è stata trasferita, per motivi di sicurezza, dal Punjab in una località segreta della capitale Islamabad. La donna pakistana cristiana era stata condannata a morte per blasfemia e poi assolta dalla Corte suprema. A confermare la notizia sia fonti ufficiali pakistane che l’avvocato della donna, Saif-ul-Malook. “Mi è stato detto che è su un aereo, nessuno sa dove atterrerà”, ha affermato il legale.

Dopo la sentenza di assoluzione della Corte suprema, i musulmani integralisti hanno protestato violentemente per tre giorni in Pakistan, bloccando il Paese. Il marito della donna ha chiesto l’aiuto dell’Italia e si starebbe valutando la richiesta di concederle l’asilo politico. Per il momento Asia Bibi non può lasciare il Paese a causa di un ricorso presentato dagli estremisti islamici che chiedono di rivedere la decisione del 31 ottobre. La richiesta di revisione della sentenza è il frutto di un accordo raggiunto dal governo del premier Imran Khan con i gruppi radicali islamici e gli estremisti sunniti di Tehreek-e-Labbaik dopo tre giorni di proteste.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Midterm Usa, Trump perde il mito di “invincibile”. I suoi messaggi conquistano l’America rurale. Ma la piccola borghesia (anche repubblicana) gli volta le spalle

next
Articolo Successivo

Midterm, la prima mossa di Trump dopo il voto: caccia il ministro della Giustizia Jeff Sessions

next