La foto ha fatto il giro del mondo (del web) e ha impressionato per l’evocazione del quadro di Delacroix, “La libertà che guida il popolo”: Abu Amro, 20 anni, palestinese, in marcia nella Striscia di Gaza (proteste iniziate il 30 marzo, ogni venerdì, per chiedere il diritto di tornare sulla propria legittima terra, per chiedere il diritto ad esistere). L’immagine è tanto forte quanto potente l’eco nell’arte. L’associazione è tanto inutile quanto violenta la repressione dell’esercito israeliano nei confronti dei palestinesi.

Stavolta l’arte non esalta, ma distrae, perché il fatto non è la somiglianza con il celebre dipinto, ma la ferocia con cui un popolo è oppresso. Si parla del dipinto, non si parla del massacro: “Nel 2020 Gaza sarà inabitabile” sentenzia l’Onu. I palestinesi già uccisi dai cecchini israeliani sono morti prima, accidenti.

Troppo forte il simbolo a cui la foto l’ha condannato, perché ora non c’è Delacroix o Michelangelo a cui associarlo: non c’è un quadro per esaltare Abu due giorni dopo, quando il tiro a segno dell’esercito israeliano ha fatto (quasi) centro: Abu Amro è stato ferito, non ucciso, ma la comunità internazionale può star serena: da morto, disteso, con la bandiera della Palestina, si troverà uno scorcio del Mantegna per ammirare come muore un palestinese. Ma l’arte ci salverà e su “La zattera” di Géricault c’è posto per tutti, eccetto le Palestine del mondo, anche quelle sul pianerottolo di casa, nell’indifferenza – o come diceva Vittorio Arrigoni “Palestina è anche fuori dall’uscio di casa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marsiglia, due morti tra le macerie dei palazzi crollati. Farnesina: “Anche una 30enne di Taranto fra i dispersi”

prev
Articolo Successivo

Pezzo di montagna si stacca a due passi dal bus: la frana filmata in diretta

next