Fa male dirlo, ma sembra purtroppo che non ci siano molte speranze. La moka sta soccombendo davanti all’attacco violento ad opera di cialde e capsule. Bialetti, l’azienda che produce la macchina da caffè, la nostra amatissima macchina dell’omino coi baffi, ha molti debiti (circa 69 milioni di euro) e poche chance di farcela davanti all’agguerrita e tecnologica concorrenza.

La moka è stata compagna di vita, alleata dei nostri piaceri, misura dei nostri risvegli, anche dei dolori e delle fatiche nelle nottate che abbiamo vissuto e ancora viviamo. Il suo borbottìo finale accompagna e scandisce il nostro tempo, e ci costringe all’attesa che non mistifica e non tradisce. E’ infatti il segno che la vita va assaporata, sorseggiata, tenuta in mano con amore.

Questo nuovo tempo invece vuole che sia tutto pronto, nega al nostro piacere ogni attesa, decide che all’istante dobbiamo essere serviti. La cialda non ha storia e non ha memoria, la moka ci fa ricordare dei nostri nonni, della nostra infanzia, degli amori e dei dispiaceri, degli affari e dei lutti. La moka è rimasta sempre se stessa, il suo design non ha avuto bisogno di rivisitazioni, se non in alcuni, peraltro poco significativi dettagli.

Se l’omino coi baffi dovesse davvero cedere, anche noi ci sentiremmo sconfitti.

Perciò questo breve articolo si conclude con una piccola petizione: trovate il tempo per comprarne un’altra e – se potete – un’altra ancora. La moka è una compagna virtuosa da tenere per mano il più a lungo possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

È Il Giro d’Italia o della sola Padania?

prev
Articolo Successivo

Tenere in piedi l’Italia prima che ci caschi in testa – L’istantanea di Caporale

next