Apple non potrà costruire il suo negozio moderno in uno dei parchi più antichi di Stoccolma, il Kungsträdgården. “I parchi cittadini sono un po’ dei luoghi sacri a Stoccolma”, come sottolinea il capogruppo dei verdi della capitale svedese. Forse per questo Apple ha pensato, anzi, sognato, di metterci al centro uno dei suoi “templi hi-tech”. Ma l’idea è stata ripudiata con decisione e sdegno sia dalla popolazione che dalla neo eletta amministrazione comunale.

Andiamo per ordine. Nel 2015 Apple investe circa 13 milioni di euro per acquistare un edificio che ospita un ristorante nel centralissimo parco di Kungsträdgården, con l’intenzione di abbatterlo ed ergere al suo posto un Apple Store più grande e moderno. I cittadini borbottano, i lavori restano fermi, poi arrivano sindaco e giunta comunale appena eletti (coalizione tra partiti di centro, moderati e ambientalisti), che ci mettono una pietra tombale: “Kungsträdgården è il posto sbagliato. Ben venga Apple in città ma altrove”.

Illustrazione grafica del Progetto Apple. Crediti: Apple / Foster + Partners

 

Vale la pena spiegare che gli abitanti di Stoccolma difendono con le unghie e con i denti Kungsträdgården, che non è solo “il parco più importante della Svezia” come spiega Johanna Jarméus di Nyréns Arkitektkontor, esponente di uno dei principali studi di architettura cittadini. “Kungsträdgården è il filo conduttore che unisce simbolicamente e spazialmente il potere storico della monarchia ai blocchi commerciali di Hamngatan, ai quartieri popolari di Södermalm. È un importante simbolo per la democrazia“.

E nel parco in questione l’Apple Store non passerebbe inosservato perché, secondo i progetti, rivendicherebbe una posizione dominante, ergendosi come l’edificio principale dell’area, assorbendone tutta l’energia senza aggiungere nulla. È questo il giudizio severo di Dan Hallemar, direttore della principale rivista svedese di architettura, Arkitektur, che marchia il potenziale edificio Apple “come un parassita”.

Avrete capito che la questione non è solo politica, non è solo ideologica, non è solo architettonica. È tutto l’insieme che ha portato la cittadinanza a unirsi in proteste vivaci, come accadde negli anni Settanta quando qualcuno pensò di abbattere gli olmi per costruire una nuova stazione della metro. Allora non se ne fece nulla, stavolta il progetto è bloccato. Nonostante la spiegazione di Apple, secondo cui i suoi Store non si dovrebbero più definire negozi, ma “piazze, perché identificano posti in cui tutti sono i benvenuti”. Peccato che la piazza ci sia già, e che Apple non sia benvenuta.

Apple Store di Milano piazza Liberty. Foto: Apple

 

Se vi stupite per la reazione svedese, sappiate che quello di Stoccolma non è un inedito. Anche a Melbourne, in Australia, l’Apple Store è stato ripudiato. Nel caso svedese la questione non è del tutto archiviata: l’investimento di 13 milioni c’è stato, qualcuno dovrà restituirli al mittente o mettere sul piatto un’alternativa. Non sappiamo né quale, né quando; sicuramente sappiamo dove non sarà: a Kungsträdgården.

A proposito, tutti i milanesi hanno concordato con la costruzione dell’Apple Store in piazza Liberty?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ha qualcosa da dichiarare? L’Intelligenza Artificiale sarà a guardia delle frontiere doganali

prev
Articolo Successivo

Apple iPhone XR, il modello colorato di Apple, alla prova dei fatti. Non è male ma costa troppo

next