Un telefonino può condurre alla verità sulle stragi? ‘Sekret – Speciale Trattativa Stato-mafia’, la serie esclusiva in onda su Loft ideata e condotta da Marco Lillo sulle stragi del ’92 e del ’93 e sull’accordo tra Cosa nostra e pezzi delle istituzioni, torna con la quinta puntata sulla piattaforma televisiva iloft.it. Il telefono è un Motorola, sequestrato il 27 gennaio 1994 durante l’arresto dei fratelli Graviano, in un ristorante a Milano. Lo aveva con sé Francesca Buttitta, la fidanzata di Filippo Graviano.
Da quel cellulare, analizzato da Gioacchino Genchi, allora consulente della procura di Palermo, si scoprono contatti sia con personaggi di Cosa nostra sia con un certo Giovanni La Lia.
Ma chi è Giovanni La Lia? All’epoca era un disoccupato. Nel gennaio 1994 fonda uno dei primi circoli di Forza Italia in Sicilia, quello di Misilmeri (provincia di Palermo). Sul suo cellulare ci sono state 3 chiamate nel dicembre 1993 con il telefonino trovato ai fratelli Graviano. Genchi molti anni dopo in un’altra inchiesta effettua una nuova perizia sui tabulati del presidente del club di Misilmeri e trova contatti risalenti al 1993 anche con Gaspare Spatuzza. L’analisi dei tabulati di La Lia fatta dal perito Gioacchino Genchi, però, non ha alcun seguito penale. La Lia non è indagato e resta un incensurato. Ma com’è possibile che quell’apparecchio avesse contatti,da un lato con esponenti politici nazionali e regionali, dall’altro con i protagonisti della stagione stragista? La Lia nel 1994, un paio di mesi prima della vittoria di Berlusconi alle elezioni, partecipa a una riunione dei club di Forza Italia in Sicilia, all’Hotel San Paolo di Palermo, di proprietà del costruttore Gianni Ienna, arrestato pochi mesi dopo proprio per i suoi legami con i fratelli Graviano. Ienna, intervistato da ‘Sekret’, si professa vittima della mafia. La figura di Giovanni La Lia, per Genchi, è importante nella genesi di Forza Italia in Sicilia. Il vicedirettore del Fatto Quotidiano, in questa puntata, cerca di capire che fine abbia fatto questo personaggio. Da molti anni ha abbandonato la Sicilia per andare a vivere al nord, in Lombardia. Le telecamere di Sekret sono andate a cercarlo

Le prime quattro puntate di ‘Sekret – Speciale Trattativa Stato-mafia’, firmate da Marco Lilloin esclusiva per gli abbonati su www.iloft.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta su Loft tre fake news: “Tutta la verità su Renzi e il Fatto”

prev
Articolo Successivo

‘L’Orizzonte lontano’, su Loft il nuovo reportage di Di Battista: ‘I semi transgenici distruggono la vita dei contadini messicani’

next