Rendimenti in forte rialzo nell’asta con cui il Tesoro venerdì ha collocato titoli per 4 miliardi di euro. Nell’asta di Ctz a 24 mesi sono stati assegnati 3 miliardi, il massimo in offerta, con un rendimento dell’1,626% in rialzo di 91 punti sull’asta del 25 settembre scorso. La domanda è stata pari a 5,47 miliardi. Nella seconda asta di Btp-I a 10 anni sono stati assegnati 996,1 milioni di euro (vicino al massimo di un miliardo) ma con un rendimento salito al 2,34% in rialzo di 78 centesimi sull’emissione di fine luglio. Piuttosto bassa la domanda, pari a 1,378 miliardi.

Sui mercati la giornata è stata all’insegna del nervosismo in attesa del giudizio sul rating dell’Italia da parte di Standard & Poor’s, atteso per stasera. In altalena per tutta la giornata lo spread tra Btp e Bund tedeschi: dopo aver aperto a 313 punti base è tornato ad allargarsi e ha superato i 318 ma nel pomeriggio ha ripiegato per chiudere a 309 punti. In negativo Piazza Affari, appesantita dalle forti perdite del settore bancario. La Borsa milanese ha archiviato la seduta lasciando sul terreno lo 0,7 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili