Si è aperta a Firenze la nona edizione della Leopolda, la kermesse di Matteo Renzi. L’ex segretario ha scelto un’entrata trionfale, da ‘star’, in mezzo ai militanti che lo applaudivano e lo abbracciavano. Poi, una volta sul palco, si è lanciato in una battuta ironica contro il Fatto Quotidiano, mentre la sua base lo acclamava invocando il suo nome “Matteo, Matteo”. “State buoni, tanto domani il Fatto scriverà che osannavate Salvini“, ha rivendicato sarcastico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pace fiscale, oggi il Cdm della verità: si media sul condono. L’incognita del rapporto tra Di Maio e Salvini

next
Articolo Successivo

Leopolda, Renzi contro tutti: dai dirigenti Pd “beneficiati e rancorosi” al governo di “cialtroni”. Poi rilancia: “Non starò zitto”

next