Si è aperta a Firenze la nona edizione della Leopolda, la kermesse di Matteo Renzi. L’ex segretario ha scelto un’entrata trionfale, da ‘star’, in mezzo ai militanti che lo applaudivano e lo abbracciavano. Poi, una volta sul palco, si è lanciato in una battuta ironica contro il Fatto Quotidiano, mentre la sua base lo acclamava invocando il suo nome “Matteo, Matteo”. “State buoni, tanto domani il Fatto scriverà che osannavate Salvini“, ha rivendicato sarcastico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pace fiscale, oggi il Cdm della verità: si media sul condono. L’incognita del rapporto tra Di Maio e Salvini

next
Articolo Successivo

Leopolda, Renzi contro tutti: dai dirigenti Pd “beneficiati e rancorosi” al governo di “cialtroni”. Poi rilancia: “Non starò zitto”

next