Io lo so di chi è la manina che ha inserito nel decreto fiscale l’ormai famosa disposizione pro-riciclaggio. E so anche di chi è l’altra manina che ha riempito il decreto per Genova di sanatorie per i cementificatori di Ischia. So persino perché in qualsiasi decreto-legge di qualsiasi governo, cioè in quasi la metà delle leggi che si fanno oggi in Italia, ci sono sempre norme che i tecnici della legislazione chiamano ancora “intruse”, ma che sono ormai la regola, non l’eccezione. E lo so perché non si tratta di una manina, ma di una manona. E come lo so io, lo sanno gli esperti di diritto parlamentare, i parlamentari stessi e tutta la pittoresca tribù di maneggioni, lobbisti e facilitatori che gli gira intorno.

Si chiama crisi del sistema parlamentare e la racconta nei dettagli Carlo Ferrajoli in un librone intitolato Rappresentanza politica e responsabilità (Edizioni scienitifiche, 2018) per essere più sicuri che nessuno lo legga. La crisi viene da lontano, ma è stata accelerata dal passaggio al sistema elettorale maggioritario post-Tangentopoli e dalla riforma dei regolamenti parlamentari, che hanno definitivamente trasferito al governo, di fatto, l’esercizio del potere legislativo. Ai miei studenti la racconto così. Gli chiedo: da grandi volete fare i parlamentari e, anzi, tenete nel cassetto una grande riforma, per la quale sarete eternamente ricordati, ad esempio l’abolizione della nebbia in Val padana?

Bene, anzitutto fatevi eleggere, ma quello è il minore dei problemi, di questi tempi sono divenuti di bocca buona. Poi andate in Parlamento ma non fate la fesseria di presentare la riforma a vostro nome: vi riderebbero in faccia, e non per il contenuto, bensì perché le proposte di legge d’iniziativa parlamentare non se le fila nessuno, passano in coda ai decreti del governo, da convertire in legge a tamburo battente altrimenti scadono, come lo yogurt. Dunque, aspettate un decreto da convertire, sono ottimi quelli relativi a qualche disgrazia, un terremoto, come a Ischia, il crollo di un ponte, come a Genova, ma non necessariamente quelle, ci hanno già pensato altri e poi di disgrazie siamo i maggiori produttori mondiali.

di 

Aspettate il vostro turno, perché per fare queste cose c’è sempre la coda, e presentate un bell’emendamento per l’abolizione della nebbia in Val padana, non necessariamente formulato così, anzi meglio se lo occultate dietro rinvii a provvedimenti precedenti, anche presi a caso, persino immaginari, come l’allegato E dell’articolo 8 sexties (che fra parentesi non c’entra niente con il sesso) di una legge milleproproghe, od omnibus o diligenza, nel senso di quelle che si assaltano. L’aula voterà l’emendamento come gli altri, nella distrazione generale, il Presidente della repubblica lo firmerà – e perché non dovrebbe, l’abolizione della nebbia in Val Padana non è mica manifestamente incostituzionale – e quando qualcuno se ne accorgerà, magari anni dopo, avrete anche voi il vostro quarto d’ora di notorietà, e forse persino una nota a piè di pagina nei libri di storia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pace fiscale, tre regole per evitare le “manine” nei decreti

prev
Articolo Successivo

Pace fiscale, Fico: “Si agisce all’interno di un filo rosso che è il contratto. Noi diversi dalla Lega”

next