Il testo “manipolato”, l’annuncio di una denuncia che verrà presentata in procura e la minaccia di non votare il testo perché così “è un condono” e dentro “c’è di tutto”. Luigi Di Maio adombra il caso di una nuova “manina” che avrebbe modificato il decreto fiscale perché “non era questo il testo” uscito dal Consiglio dei ministri. “Non è possibile che vada al Quirinale un testo manipolato. Domani sarà depositata una denuncia alla procura della Repubblica”, annuncia il vicepremier durante la puntata Porta a Porta. Anche se una nota del Colle precisa che il testo al momento non è stato ricevuto da Sergio Mattarella. E Palazzo Chigi precisa che al presidente della Repubblica è stato anticipato in maniera “meramente informale” e che l’invio ufficiale è stato bloccato dopo la scoperta delle criticità. Prima dell’invio, il premier Giuseppe Conte, spiegano fonti governative, intende rivedere personalmente il testo articolo per articolo. Mentre fonti della Lega sottolineano che “noi siamo gente seria, non sappiamo niente di decreti truccati“.

“Nel testo che è arrivato al Quirinale c’è lo scudo fiscale per i capitali all’estero e c’è la non punibilità per chi evade. Noi non scudiamo capitali di corrotti e di mafiosi. E non era questo il testo uscito dal Cdm”, ha spiegato il vicepresidente del Consiglio, aggiungendo: “Io questo testo non lo firmo e non andrà al Parlamento”. La motivazione: “C’è di tutto, c’è il reato di riciclaggio, c’è di tutto. Questa parte deve essere tolta“, dice riferendosi all’articolo 9 del decreto fiscale. “Questo è un condono come quello che faceva Renzi io questo non lo faccio votare”.

A quale norma si riferisce Di Maio? L’articolo 9 (Disposizioni in materia di dichiarazione integrativa speciale) prevede che aderendo alla pace fiscale si potranno fa emergere somme non dichiarate fino a 100mila euro l’anno pagando un’aliquota del 20%. In cambio nessuna procedibilità e nessuna penalità. “Non abbiamo mai chiesto ne parlato di scudare capitali all’estero e tanto meno di prevedere l’impunità per gli evasori – ha proseguito Di Maio – Non abbiamo mai discusso di questi temi e soprattutto mai pensato a dare l’impunità per il reato di riciclaggio”.

Un terzo caso di “manina“, quindi, per il governo M5s-Lega dopo quello degli 8mila esuberi nel dl Dignità e quello, recentissimo, dell’articolo fantasma per gli 84 milioni per la Croce Rossa infilato all’insaputa del ministro Giovanni Tria nello stesso decreto fiscale. A chi appartiene la manina? “Sospetta di Giancarlo Giorgetti (il sottosegretario leghista alla presidenza del Consiglio, ndr)?”, domanda Bruno Vespa. “Non mi permetterei mai“. “Confermo la mia fiducia a tutto il governo. Io non ho ragione di dubitare della Lega perché ci siamo stretti la mano – ha proseguito l’esponente del M5s – tendo ad escludere responsabilità politica perché abbiamo raggiunto un accordo politico e perché mi fido delle persone che sono al governo”. Però, ha proseguito il vicepremier, “se ci facciamo passare sotto al naso provvedimenti così allora cominciano i problemi grossi“. Fonti della Lega hanno risposto a stretto giro: “Noi siamo gente seria e non sappiamo niente di decreti truccati, stiamo lavorando giorno e notte sulla riduzione delle tasse, sulla legge Fornero e sulla chiusura delle liti tra cittadini ed Equitalia“.

Negli stessi minuti in cui le agenzie battevano i virgolettati del vicepremier, l’ufficio stampa del Colle precisava che “il testo del decreto legge in materia fiscale per la firma del Presidente della Repubblica non è ancora pervenuto al Quirinale”. E quando Bruno Vespa glielo faceva notare, Di Maio replicava: “Se testo non è ancora arrivato al Quirinale, allora basterà lo stralcio” della parte non condivisa “e non sarà nemmeno necessario riunire il Consiglio dei ministri”. Poi ha aggiunto: “Ai miei uffici risulta che il testo sia andato al Quirinale”.

Le opposizioni attaccano. “Luigi Di Maio è un uomo disperato – scrive su Facebook il senatore del Pd Matteo Renzi – si è accorto in ritardo di aver dato il via libera ad un condono. Prima ha votato il testo del decreto legge, poi ha detto che glielo hanno cambiato e si è rimangiato tutto“. Critiche all’indirizzo dell’esecutivo gialloverde arrivano anche anche da Forza Italia: “Luigi Di Maio è imprigionato in un episodio della Famiglia Addams: è perseguitato dalla Mano – twitta Mara Carfagna – Ammetta una buona volta che i Cinquestelle hanno dato il via libera ad un condono fiscale a loro insaputa“.