È stato liberato Gianfranco Castellotti, l’attivista italiano che da una settimana si trovava in stato di fermo in Turchia. Ad annunciarlo è il suo contatto, e amica, in Italia, Maria Grazia Vanelli. “È stato liberato oggi, non ci sono stati provvedimenti di espulsione“, ha spiegato. “Lascerà la Turchia da uomo libero e stiamo organizzando il viaggio di ritorno con il consolato. Dovrebbe partire oggi o al massimo domani”, ha aggiunto.

Castellotti, veterinario 53enne di Massa, è stato fermato giovedì scorso dalla polizia turca a Istanbul durante una retata in un centro culturale. L’attivista del gruppo Anti Imperialist Front Italia, si trovava nella città turca per seguire il processo alla band Grup Yorum, accusata di terrorismo per i suoi testi “impegnati” e contrari al governo di Recep Tayyip Erdogan. Castellotti non è stato accusato di alcun reato, ma è rimasto comunque in stato di fermo nel commissariato di polizia di Ferikoy per una settimana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Uragano Michael si abbatte su Florida e Georgia: almeno due morti e 380mila persone al buio. Venti a 247 km/h

prev
Articolo Successivo

Indonesia, a due settimane dallo tsunami cessano le ricerche dei dispersi. Mancano all’appello ancora 5mila persone

next