Il 28 settembre scorso si è tenuta la manifestazione europea della Notte dei ricercatori. Molti laboratori di ricerca in 116 città italiane sono stati aperti al pubblico e sono state organizzate dimostrazioni guidate e semplici esperimenti. In un Paese come l’Italia – che ha il secondo più basso numero di laureati in Europa e tra questi una bassa percentuale di laureati in materie scientifiche -, la notte dei ricercatori ha una valenza importante e rappresenta uno dei pochi momenti in cui la scienza comunica con la popolazione.

La manifestazione purtroppo ha dei limiti: divulgare la scienza non è facile e un vero laboratorio di ricerca non si presta molto allo scopo, perché di solito contiene strumenti di non ovvia funzionalità ed è attrezzato per svolgere esperimenti troppo complessi per essere spiegati a persone digiune della materia nel corso di una breve visita. In molti Paesi d’Europa la Notte dei ricercatori si affianca a veri e propri parchi della scienza, spesso associati a laboratori di altissimo livello, nei quali i visitatori hanno accesso a esperimenti e dimostrazioni semplici, pensati per stimolare la curiosità e per essere spiegati e capiti nel corso di una breve visita. Questa estate, ad esempio, ho visitato il parco associato al radiotelescopio dell’Università di Manchester, che è organizzato in un modo molto efficace. Ovviamente i visitatori non hanno accesso alle sale dove si fanno le rilevazioni scientifiche o al radiotelescopio: queste strutture non sono adatte alla divulgazione.

La divulgazione scientifica costa e in Italia è carente: quanto è importante? Noi viviamo immersi in una società ad alta tecnologia e ogni giorno utilizziamo strumenti complessi, che risultano dall’applicazione di scoperte scientifiche, dai telefoni cellulari ai vaccini e ai farmaci. Questi strumenti, oltre a esserci utili nella vita quotidiana, sono prodotti, venduti e comprati e contribuiscono quindi all’economia. Un Paese come l’Italia, che non capisce la scienza e spesso ne diffida, è condannato a perdere terreno in campo tecnologico ed economico rispetto a Paesi più consapevoli.

Purtroppo ci sono forze sociali che spingono in direzione opposta alla diffusione della cultura scientifica. In primo luogo la politica preferisce cittadini meno informati, che è più facile raggirare e convincere: alla fine si raccolgono più voti denigrando i vaccini che raccomandandoli. In secondo luogo la cultura richiede più investimenti dell’ignoranza, sia a livello pubblico che privato, sia in termini economici che di fatica e di impegno personali. D’altra parte il ritorno economico e di civiltà garantito dalla cultura è incommensurabilmente superiore a quello dell’ignoranza: quindi, in mancanza di iniziative più stabili, teniamoci strette le notti dei ricercatori!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scoperte nuove cellule staminali, in futuro potrebbero “riparare” vasi sanguigni

prev
Articolo Successivo

Sclerosi multipla, sì dell’Aifa a nuova terapia: “Una rivoluzione copernicana che resterà nella storia di questa malattia”

next