Dopo quello di un mese fa, disposto per un problema di corto circuito su una sola macchina, la Toyota ha annunciato un altro richiamo volontario. E se quello dei primi di settembre ha riguardato un milione di veicoli a scopo precauzionale, il provvedimento annunciato oggi è più sostanzioso: riguarderà 2,43 milioni di ibride.
I modelli coinvolti nel richiamo sono Prius e Auris, fabbricate in un periodo di tempo che va dall’ottobre del 2009 al novembre del 2014.

La causa è un malfunzionamento del powertrain, che come spiega la casa giapponese “in casi molto rari potrebbe smettere di funzionare, anzichè entrare in modalità di sicurezza”. Il che significa che l’auto potrebbe andare in “stallo”, perdendo progressivamente potenza e spinta, fino a fermarsi completamente. Il che, se succedesse magari in autostrada a velocità sostenuta, comporterebbe problemi di sicurezza.

Un report completo è stato consegnato al Ministero dei Trasporti nipponico, nel quale si segnala che l’anomalia è stata riscontrata in tre casi verso la fine del mese scorso. Che tuttavia pare non abbiano causato alcun incidente in Giappone, dove torneranno in officina 1,25 milioni di vetture. Negli Stati Uniti invece saranno 807 mila, in Europa 290 mila, in Cina 3.000 e il resto in altre regioni del mondo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parco Valentino, un salone delle persone oltre che dell’auto. Ecco come sarà

prev
Articolo Successivo

L’Africa sarà la nuova frontiera dell’auto? Forse, ma resta una scommessa

next