Partendo dall’inchiesta sulle cause della sciagura del bus caduto in una scarpata, che causò la morte di 40 persone il 28 luglio 2013 su un viadotto della A16 Napoli-Canosa, la procura di Avellino potrebbe aprire un’indagine a livello nazionale sulla sicurezza delle barriere protettive lungo la rete autostradale italiana. Lo apprende l’Ansa da fonti degli uffici giudiziari irpini, nel giorno in cui ha avuto inizio la requisitoria dell’accusa nel processo contro 16 imputati accusati a vario titolo di omicidio colposo plurimo, disastro colposo e lesioni per la tragedia del bus.

Secondo la ricostruzione dei pm, diverse furono le cause all’origine di quel disastro. In primis, le condizioni di vetustà del bus, immatricolato nel 1985 e con ben 800mila chilometri percorsi, non sottoposto a regolare revisione. Ma se le barriere autostradali fossero state soggette a un’efficace manutenzione, avrebbero potuto reggere l’impatto senza far precipitare il veicolo nella scarpata: è questo, sulla base delle perizie depositate, l’addebito che la procura irpina muove a tredici tra vertici e funzionari di Autostrade per l’Italia, imputati nel processo. Ad ampliare il raggio d’azione della procura di Avellino, guidata da Rosario Cantelmo, potrebbe essere in particolare la perizia del professor Felice Giuliani, docente di ingegneria presso l’università di Parma, incaricato dal Tribunale di esprimersi sulle cause che determinarono l’incidente. In particolare, Giuliani ha messo sotto accusa la scarsa manutenzione delle barriere e dei “tirafondi” (i bulloni che bloccano i “New Jersey” alla sede stradale, ndr) che se non fossero risultati usurati avrebbero “derubricato al rango di grave incidente stradale” quello che ha invece causato la morte di 40 persone. Una analisi contestata in aula dai legali di Autostrade per l’Italia, secondo i quali la perizia “è basata su modelli, criteri e tecniche superati“. Durante l’udienza, Cantelmo ha chiesto l’acquisizione della perizia al fine di valutare la sussistenza di ulteriori ipotesi di reato: un gesto che preluderebbe appunto all’apertura di una più ampia inchiesta a livello nazionale. Intanto il processo per la strage del 2013 prosegue a ritmo spedito: il 10 ottobre riprenderà la requisitoria dell’accusa, la sentenza del giudice monocratico Luigi Buono dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mose, rivelò indagine agli indagati tra cui Giancarlo Galan: condannato ex maresciallo

prev
Articolo Successivo

Giancarlo Galan, due anni e cinque mesi al carabiniere che gli dava le soffiate: “Lo avvertì di un’indagine a suo carico”

next