Sanzione per “molestie psicologiche” all’assistente parlamentare. Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani ha annunciato l’intervento nei confronti dell’eurodeputata Giulia Moi, fino a febbraio 2018 nel gruppo con i 5 stelle e poi autosospesa. L’interessata ha replicato che presenterà ricorso all’ufficio di presidenza: “Questa vicenda”, ha detto, “riguarda persone sulle quali è stata mal riposta la mia fiducia”. Fonti grilline a Bruxelles hanno fatto sapere che il caso Moi è attualmente al vaglio dei probiviri e si attendono provvedimenti sulla sua posizione: l’eletta ha sempre avuto grosse difficoltà con i colleghi e nell’inverno scorso, subito dopo l’addio a sorpresa di David Borrelli, erano uscite indiscrezioni sulla sua fuoriuscita. La sua posizione non è però mai stata ufficialmente chiarita.

Tajani, in una nota, aveva spiegato le ragioni del suo intervento: “A norma dell’articolo 166 del regolamento, in base alle conclusioni del comitato consultivo competente per le denunce di molestie riguardanti assistenti parlamentari accreditati e deputati, e avendo preso nota delle osservazioni scritte della deputata interessata ho deciso di comminare una sanzione all’onorevole Giulia Moi per la sua condotta nei confronti degli assistenti parlamentari, qualificata come molestia psicologica”. E ha concluso: “La sanzione consiste nella perdita del diritto all’indennità di soggiorno per un periodo di 12 giorni. La decisione è stata notificata alla deputata interessata che può presentare un ricorso interno dinanzi all’ufficio di presidenza. Tale ricorso ha carattere sospensivo della sanzione”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, Borghi (Lega): “In unione monetaria normale lo spread non esiste. Uscita dall’euro? Non è nel contratto”

prev
Articolo Successivo

Finanziamenti alla politica, la riforma: “Pubblici i nomi di chi dona più di 500 euro. Fondazioni equiparate ai partiti”

next